Stati Uniti, Il controverso accordo di Google con oltre centocinquanta ospedali

Reading Time: 1 minute read

Il colosso digitale Google, attraverso la sua piattaforma di hosting dati online (Google Cloud), ha siglato un accordo con Ascension, uno dei maggiori operatori sanitari negli Stati Uniti, che gestisce duemila seicento siti di assistenza sanitaria, tra cui 150 ospedali e 50 case di cura.

Il contratto – il più grande negoziato da Google nel settore – prevede il trasferimento di cartelle cliniche complete: identità del paziente, diagnosi, risultati dei test, antecedenti.

L’obiettivo è provare a sviluppare, attraverso l’analisi dei dati e l’utilizzo dell’intelligenza artificiale (AI), strumenti per suggerire ai medici esami complementari, benefici o trattamenti aggiuntivi o anche identificare anomalie nel corso delle cure, ma secondo il giornale Wall Street Journal., “i pazienti non sono stati informati” di questa trasmissione di informazioni personali.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.