Stati Uniti: Scooter elettrici pericolosi, indagine 2018

Reading Time: 1 minute read

Nel 2018, ci sono stati oltre 36.000 incidenti mortali negli autoveicoli negli Stati Uniti, secondo la National Highway Traffic Safety Administration . Ciò comprendeva oltre 6.000 pedoni e 857 ciclisti. Nel 2019, ci furono 29 morti per ciclista nella sola New York City.

La società Uber ha scritto il playbook orientato alla crescita che le aziende di scooter come Bird e Lime hanno usato nei loro primi tempi: lanciare prima e chiedere il permesso più tardi. A volte né la città né la compagnia erano pronte.

Nel 2018 una società è stata costretta a staccare ripetutamente gli scooter dal servizio, dopo aver scoperto che le batterie in alcuni erano suscettibili di prendere fuoco, e poi di nuovo dopo aver identificato un difetto di fabbricazione che poteva causare la rottura improvvisa dello scooter durante l’uso.

L’industria degli e-scooter è relativamente nuova e non regolamentata, non esistono sistemi validi per il monitoraggio degli incidenti ad essi correlati.

Il Regno Unito potrebbe presto legalizzare gli e-scooter a seguito di una revisione del governo su come regolarli. Sebbene non siano attualmente approvati per l’uso su strade o piste ciclabili, gli scooter sono ampiamente venduti nel Regno Unito e non è raro vederli guidati.

Fonte : qz.com

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.