Superyacht a vela, design classico anni ’30 con tecnologia moderna

Reading Time: 2 minutes read

Il nuovo Rainbow racchiude il classico al moderno, con scafo in alluminio. Costruito secondo le regole di massima prestazione della J Class Association, la sua architettura navale è stata sviluppata da Dykstra.

L’attuale proprietario di Rainbow l’ha acquistata nel 2015 dopo aver visto Rainbow nei Caraibi. L’uomo è rimasto sbalordito dalla sua immensa grandezza e grazia. “Era una cosa pura estetica per lui”, dice Matt Sweetman, il capitano di Rainbow.

Negli ultimi cinque anni, Rainbow si è tenuta fuori dal circuito, ma partecipa a molte regate veliche, tra cui Loro Piana in Sardegna e Les Voiles de Saint Tropez. È anche uno yacht charter di successo, così tanti appassionati di vela la apprezzano nel Mediterraneo e nei Caraibi.

Quando lo yacht naviga con 18-25 nodi di vento, è come essere a bordo dell’originale Rainbow , completo di accelerazione improvvisa, inclinazione estrema dello yacht e vento che letteralmente sferza le vele. “È esilarante”, dice Sweetman. “Ci sono forti rumori e i tuoi ospiti si bagneranno sicuramente. È una giornata di navigazione brutale e interessante. ”

Sweetman dice che l’emozione di navigare su una J Class non ha rivali. “Questa è la prima barca su cui sono stato dove devo pensare di navigare piuttosto che premere i pulsanti per il funzionamento automatico”, dice. “Le nostre vele di prua sono azionate manualmente, quindi i carichi sono piuttosto grandi e puoi sentire la barca tremare mentre tiri le scotte e le fai uscire. Le onde lambiscono i ponti. Accresce i tuoi sensi. ”

L’età d’oro degli yacht J Class ha raggiunto il picco negli anni ’30. Possederne uno è un po ‘come entrare a far parte del club dei proprietari più esclusivo del mondo: molto piccolo e molto elitario.

La rinascita della classe J iniziò quando l’imprenditrice immobiliare di Newport Elizabeth Meyer completò un refit di Endeavour da 10 milioni di dollari nel 1989. “Questo ha rinnovato l’amore di tutti per la classe, e poi altre persone hanno iniziato a costruire”, dice Sweetman.

Velsheda e Shamrock V completano il trio di barche originali che ancora navigano, mentre la prima replica moderna, Ranger , è stata costruita nel 2004.

“I nuovi proprietari di Classe J si sono presto resi conto che non dovevano solo regatare, ma avevano una bella uno splendido yacht da crociera con interni “, afferma Sweetman.

“I designer André Hoek e Gerald Dykstra sono stati i leader che, insieme agli armatori, hanno escogitato un modo per modernizzare la regola in modo che queste barche potessero essere utilizzate sia per le regate che per le crociere”.

Le nuove regole hanno anche assicurato che la nuova generazione di yacht J-Class non umiliasse la vecchia classe durante le regate. “Tutti dovevano essere competitivi”, dice Sweetman.

Oggi, i superyacht di classe J dispongono di servizi standard che sarebbero stati fantascienza negli anni ’20: generatori compatti, aria condizionata e impianto idraulico per azionare argani all’avanguardia.

Ogni barca deve avere una cabina armatoriale, oltre a cabine per gli ospiti, e la maggior parte, incluso Rainbow , sono classificate dai Lloyd’s. “Abbiamo tutto ciò che un superyacht moderno avrebbe”, dice Sweetman.

Anche con una trasmissione ibrida diesel / elettrica, sartiame in carbonio, scafo in alluminio ed elettroidraulica, sono necessari tutti e sette i membri dell’equipaggio per far funzionare Rainbow .

Condividi nei social

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, allora aderisci al: Reporters Freelance.

Possiedi una Mercedes nuova o d’epoca?

Entra nella comunità internazionale dei proprietari Mercedes di oltre 6000 iscritti…e se possiedi una SL d’epoca od una nuova SLK, condividi la tua passione con altri proprietari di SL/SLK) nel primo Registro Italiano, nato nel 1994. Se desideri leggere le ultime novità e notizie, iscriviti al: Mercedes Style Magazine.

Per gli amatori e professionisti del Ciclismo…

Se desideri dialogare con altri del tuo sport, invitiamo a iscriversi in questo gruppo. Per quelli che, invece, preferiscono leggere periodiche notizie c’è una pagina nel social Facebook.