SuperYacht Tesla Model

Reading Time: 2 minutes read

La Tesla ha progettato il Model Y grazie A Dhruv Prasad, un designer di Bangalore, in India, ed un yacht completamente autosufficiente. Lo scafo di 40 m (131 piedi) è affilato e stretto in punta, quindi trascina la parte posteriore piatta e larga. Non è molto diverso dagli altri progetti di yacht che abbiamo visto, ma la sovrastruttura in cima incapsula la maggior parte del ponte superiore per creare un enorme spazio interno.

Quello spazio interno è illuminato attraverso tutti quei buchi che perforano la sovrastruttura. Questo uso ingegnoso della luce naturale ha uno svantaggio, non è possibile creare ulteriori ponti sopra.

Questo spazio interno, tuttavia, è enorme. Per uno yacht di queste dimensioni, offre un ampio open space che include un bar, lettini e lettini e molto spazio per qualsiasi tipo di attività si desideri organizzare. Non pensare a questo yacht come su quello su cui puoi passare molto tempo, è piuttosto una barca per brevi tragitti.

L’unico altro ponte che esiste su questa Tesla è quello inferiore. Ancora una volta, include ampi spazi aperti che sono più per socializzare con gli ospiti o organizzare una sorta di festa privata.

L’unico tipo di area per il relax a parte le zone pranzo, è una stanza di vetro con due letti rialzati, molto probabilmente una spa. Sul retro e all’esterno di questo spazio c’è una piscina privata con due sedie a sdraio. Perfetto per momenti privati. Ma se il tempo diventa troppo duro, anche questa zona può essere chiusa dall’esterno.

Una delle idee folli che troviamo a bordo di questa nave è l’arredamento modulare. Al centro dello yacht possiamo vedere un dispositivo rosso con il sigillo di Tesla. Questa è la turbina degli yacht. Funziona prendendo le onde in arrivo e trasformando la loro energia in elettricità che carica un sistema di batterie. Questo sistema di batterie restituisce quindi l’elettricità e alimenta la turbina: in teoria.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.