SVI MAX 3, un trasportatore blindato antiproiettile

Reading Time: 1 minute read

SVI Engineering, con sede in Sud Africa, svela una nuova versione del suo veicolo corazzato MAX 3. Basato sul Land Cruiser 79, i clienti possono scegliere tra diversi motori, tra cui il benzina V6, il sei diesel in linea e il turbodiesel V8.

La sua cabina blindata è dotata di protezione standard di livello balistico B6 (resiste a fucili d’assalto da 5,56 mm e 7,62 mm), ma se necessario, può essere aggiornata alla protezione contro le esplosioni B7.

Questo design sarebbe adatto anche per attacchi di tipo sommossa, sia per ruoli militari che civili. Ciò significa che potrebbe essere utilizzato come trasporto personale, ambulanza, centro di controllo di comando, controllo della folla, forze speciali e polizia.

Può essere configurato come cabina singola, doppia cabina e come trasporto personale blindato con pianale di carico posteriore chiuso.

Stai andando in una zona di guerra?

Potresti optare per il mortaio automatizzato Thales Scorpion da 60/81 mm, attacco a perno da 12,7 mm o stazione per armi telecomandata Rogue Lite da 12,7 mm. Anche quando è dotato di una stazione d’arma, il MAX 3 pesa solo 3,8 tonnellate (7.600 libbre), che è abbastanza leggero rispetto ad altri veicoli corazzati.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.