Sviluppata nuova tecnologia, consente volo ultra-supersonico aerei combattimento e missili con laser

Reading Time: 2 minutes read

Gli argomenti più importanti negli ultimi anni nella ricerca e nello sviluppo della tecnologia di difesa sono le armi ultra-supersoniche e le armi ad energia direzionale . Negli ultimi anni è stata sviluppata una tecnologia che combina i due per “irradiare armi ad energia come i laser in avanti e consentire il volo ultra-supersonico”, ha spiegato The Drive, un sito di notizie su armi e veicoli.

Le armi supersoniche estreme sono Mach 5.0, cioè combattenti e missili che volano a velocità che sono più di cinque volte la velocità del suono; ci sono le armi a energia direzionale che irradiano e distruggono obiettivi prefissati, come laser, microonde e raggi di plasma.

Le armi estremamente supersoniche hanno un tempo significativamente più breve dal lancio al bersaglio, il che le rende meno probabili essere catturate dal radar.

Inoltre, mentre i normali missili balistici cadono in un arco dal suolo, si dice che le armi ultra-supersoniche che cadono dritte a una velocità enorme siano incompatibili con i sistemi di intercettazione dei missili balistici convenzionali e le forze armate statunitensi Persegue attivamente la ricerca e lo sviluppo come arma indispensabile per le strategie future.

Ad esempio, l’AGM-183A ARRW (Aerial Launch High Speed ​​Response Weapon) sviluppato congiuntamente dalla US Air Force e Rocky de Martin è un missile che viene lanciato dallo spazio e accelera fino a Mach 20.

Queste armi ultra-supersoniche sono estremamente difficili da sviluppare e costose. In effetti, l’aviazione americana e Rocky de Martin stavano anche sviluppando HCSW (Supersonic Conventional Attack Weapon), un missile da lancio aereo, ma è stato cancellato per problemi di budget.

Si dice che ci siano due barriere alla realizzazione di un’arma super-sonora. Uno è “come ridurre la resistenza dell’aria” e l’altro è “come affrontare l’influenza del calore di attrito con l’atmosfera”.

Sebbene la forma dell’arma possa essere utilizzata per la resistenza dell’aria, la forma non può essere modificata liberamente a causa della necessità di installare attrezzature per ottenere velocità ultra-supersoniche e dei limiti dell’ingegneria dei materiali.

Inoltre, se voli nell’atmosfera a velocità estremamente supersoniche, la temperatura aumenterà in modo anomalo a causa del calore di attrito con l’atmosfera, che avrà un grande impatto sull’attrezzatura installata all’interno. Il problema del calore di attrito può essere risolto appoggiando un materiale resistente al calore sulla superficie dell’arma interna, ma all’aumentare del peso dell’arma, la portata di crociera e la distanza massima diminuiranno.

Sebbene la ricerca sulle armi ultra-supersoniche sia stata difficile, i progressi tecnologici hanno permesso di migliorare la produzione di armi ad energia direzionale e ridurre le dimensioni del loro equipaggiamento. Ad esempio, nel maggio 2020, la Marina degli Stati Uniti è riuscita ad abbattere un drone con un’arma laser montata su una nave da sbarco.

La NASA e le forze armate statunitensi stanno cercando di superare le due barriere alla realizzazione di armi ultra-supersoniche applicando questa tecnologia di armi ad energia direzionale.

Nel 1983, sotto l’investimento della NASA, l’ingegnere Lake Mylab prese l’iniziativa nella ricerca di ” imbarcazioni leggere ” che utilizzano i laser per ottenere propulsione .

Questo serve per sparare un raggio laser in avanti dall’interno dell’oggetto volante e generare un’onda d’urto davanti all’oggetto volante per spingere fuori l’atmosfera e ridurre la resistenza dell’aria. Tuttavia, il concetto era così radicale che la ricerca del signor Mylab non è stata trasformata in un’arma sul serio.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

PMComunicazione è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.