Tesla sviluppa nuova tecnologia per rilevare bambini lasciati in auto

Reading Time: 1 minute read

In un’auto con il motore spento, può salire fino a circa 50 gradi in un’ora in estate, e il bambino che aspetta in macchina può soffrire di un colpo di calore o addirittura morire nel peggiore dei casi. Negli Stati Uniti, ben 50 bambini sono morti per un colpo di calore in macchina dal 2018 al 2019 e Tesla ha sviluppato un nuovo “meccanismo per rilevare i bambini rimasti in macchina” per prevenire tali incidenti.

Tesla sta chiedendo l’autorizzazione alla Federal Communications Commission (FCC) per dispositivi di rilevamento del movimento interattivi a corto raggio. Questo dispositivo è progettato per funzionare con potenze superiori a quanto consentito dalla normativa vigente.

Questo dispositivo utilizza un radar per rilevare le dimensioni di un occupante dell’auto e riconoscere se si tratta di un bambino o di un adulto. Identifica inoltre se la persona sul sedile posteriore è un bambino o un oggetto e previene falsi allarmi. E utilizzando il sensore da solo o il sensore e la fotocamera, è possibile rilevare il pattern respiratorio e il battito cardiaco del bambino sul sedile posteriore. Secondo Tesla, l’approvazione del dispositivo potrebbe ridurre il rischio che i bambini subiscano un colpo di calore in macchina.

Il sistema airbag installato nell’auto di Tesla di solito rileva il peso dell’occupante con un sensore integrato nel sedile e lo distribuisce, ma utilizzando il sistema di cui sopra, l’airbag si basa sulla “taglia” della persona. Si ritiene che sia possibile aumentare ulteriormente l’effetto protettivo se può essere dispiegato.

Al momento della stesura dell’articolo è indeciso quando e come il sensore verrà installato nell’auto di Tesla e il portavoce di Tesla non ha risposto alla richiesta di commento…

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.