Toscana, Camera di Commercio. Zona arancione: stop e limiti alle attività

Reading Time: 1 minute read

Le imprese del settore della ristorazione e somministrazione della Città Metropolitana di Firenze, sono 7mila, con 30.650 dipendenti, la cui attività sarà sospesa, salvo la possibilità di esercitare l’asporto, per effetto dei divieti previsti nelle cosiddette “zone arancioni”, tra cui è rientrata anche Toscana.

Questo numero si aggiunge alle circa 500 imprese (dai cinema ai teatri, alle palestre), con 3.396 addetti, già chiuse dalle precedenti disposizioni.

Il passaggio di colore (da giallo a arancione, appunto) impatterà anche sugli spostamenti e sulle abitudini delle persone, e dunque limiterà ulteriormente la propensione al consumo.

Un colpo per l’economia, già messa a dura prova!!!

Lo scenario più ottimistico, stimato dall’Ufficio studi della Camera su dati Prometeia, indica una flessione del Pil a fine anno del 10,5%, un calo dei consumi del 12,3% e del 20% per quanto riguarda l’export.

Il rimbalzo del Pil, nel 2021 dovrebbe attestarsi al 6,4% con una sensibile ripresa di consumi (+8%) e delle esportazioni (+11,5%), compatibilmente con la stabilizzazione del quadro sanitario generale.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.