Toscana, giornalista propone articolo a testata; chiedono i costi di stampa

Reading Time: 1 minute readUna giornalista straniera ci ha contattati in redazione riferendo quanto le

Condividi nei social

Reading Time: 1 minute read

Una giornalista straniera ci ha contattati in redazione riferendo quanto le è di recente accaduto nella regione Toscana. Dunque la collega riferisce che aveva proposto ad una testata cartacea un suo articolo con foto, dedicato ad un evento. La risposta pervenuta dal direttore di quella testata ha, a dir poco, impietrito anche noi. Ve la riproponiamo per capire che, dopo i 2 e 3 euro pagati ad articolo, si è oltrepassati il limite e la mala misura.

Va bene però dovresti acquistare un po’ di copie della rivista per sostenere i costi di stampa. Siamo un’associazione senza scopo di lucro. Bastano un centinaio di copie per pagina al costo di un euro fatturato e comprensivo di iva.

Per curiosità abbiamo fatto una breve indagine, scoprendo che Poltrone e Divani sostiene questa testata con 320mila euro all’anno.

Allora…siccome  si tratta di soldi di provenienza ente pubblico, quindi dalle tasse di cittadini fa girare le balle quando un direttore risponde in quel modo a presa di deretano!

A chi legge ogni commento personale.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.