Trump intende chiudere il consolato cinese a Houston

Reading Time: 1 minute read

La decisione dell’amministrazione Trump di chiudere il consolato cinese a Houston è arrivata dopo anni di raccolta di informazioni, da parte dell’FBI, che ha mostrato era un punto di spionaggio cinese negli Stati Uniti. Il presidente Donald Trump è stato tenuto informato delle sue attività sin da quando è entrato in carica.

Numerosi funzionari statunitensi hanno affermato che il consolato di Houston è stato a lungo utilizzato dal governo cinese per rubare preziose ricerche mediche e che è stato coinvolto in tentativi di infiltrazione, nelle industrie petrolifere e del gas naturale.

Gli attuali ed ex funzionari delle forze dell’ordine statunitensi hanno affermato che il consolato è ben fortificato e rafforzato, per impedire la sorveglianza degli Stati Uniti, e che era un centro di comunicazione ad alta tecnologia per coordinare ed eseguire operazioni di spionaggio.

Il governo americano ordinerà alla Cina di “cessare tutte le operazioni e gli eventi” al consolato mercoledì 22 Luglio 2020.

Il senatore Mark Warner della Virginia, democratico di spicco del Comitato di intelligence, ha detto a Katy Tur della NBC News che non avrebbe discusso dell’intelligenza specifica dietro la chiusura.

Warner ha suggerito che l’azione è guidata dall’FBI e dalla sua intelligenza. Gli attuali ed ex funzionari delle forze dell’ordine federali hanno applaudito alla mossa, dicendo che è un messaggio forte da consegnare al governo cinese.

Fonte locale

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.