Tunisia, E-dinar in fase sperimentale

Reading Time: 1 minute read

La Banca centrale tunisina ha confutato che l’e-dinar era un lancio di prova ufficiale e ha dichiarato che una valuta digitale della banca centrale era solo nella fase di valutazione. Anche il partner tecnologico Universa ha risposto alla notizia.

Il fornitore di tecnologia e la piattaforma blockchain sottostante, Universa con sede in Russia, afferma che ciò significa che la Tunisia è il primo paese a emettere una valuta digitale della banca centrale (CBDC). In effetti, è il primo ad annunciare che parte del suo capitale è stato convertito in forma elettronica. Al contrario, il venezuelano Petro è considerato da molti come una criptovaluta.

Gli e-dinari sono ora disponibili per il trasferimento tra cittadini, con negozi, caffè e ristoranti in programma per accettare la valuta in diversi mesi. La banca centrale prevede inoltre di utilizzarlo nei pagamenti transfrontalieri, aggirando la necessità di dollari USA .

Il CBDC sarà rilasciato ai consumatori online e attraverso duemila chioschi, che saranno istituiti in Tunisia. Lì, possono aggiungere fondi a un portafoglio digitale tramite un’applicazione browser o, in futuro, un’app mobile. I trasferimenti vengono completati tra persone e aziende tramite la scansione di un codice QR.

Fonte : ledgerinsights.com

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

PMComunicazione è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.