Turismo spaziale: tre attori dominanti

Reading Time: 2 minutes read

I fondatori miliardari di Virgin Galactic, Blue Origin e SpaceX hanno versato miliardi di dollari nel tentativo di organizzare una torta del redditizio mercato dei voli spaziali.

Mentre diversi pezzi pubblici hanno deriso l’abilità unica dei miliardari nella corsa allo spazio come vanitosa e dispendiosa, ci sono molti che li vedono come pionieri che fanno un investimento nel futuro dell’umanità.

Space Tourism, attualmente in una fase nascente con solo tre compagnie private – Blue Origin, Virgin Galactic e SpaceX – nella mischia, parla di esseri umani che viaggiano nello spazio per attività ricreative. Il mese di luglio vedrà almeno due miliardari – Jeff Bezos e Richard Branson – cavalcare i loro razzi nello spazio e nei libri di storia nel tentativo di segnalare, a coloro che se lo possono permettere, che le loro compagnie potrebbero presto trasportare i turisti nello spazio e indietro.

Bezos e Branson non sarebbero i primi cittadini privati a dilettarsi sulla linea Kármán, il confine di fatto tra spazio e Terra. L’ingegnere e imprenditore americano Dennis Tito è stato il primo a farsi strada nello spazio a bordo dell’aereo russo Soyuz TM-32, che stava conducendo una missione di rifornimento alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) nel 2001. Ha pagato $ 20 milioni per l’addestramento, il viaggio e un soggiorno di sei giorni presso l’ISS diventando così il primo turista spaziale di sempre. Branson e Bezos arriveranno secondo e terzo.

Secondo un rapporto McKinsey del 2020, gli investitori hanno investito $ 9 miliardi in società legate ai viaggi nello spazio o società ausiliarie che forniscono parti e servizi ad agenzie come la National Aeronautical Space Agency (NASA).

L’industria ha fatto molta strada grazie ai progressi tecnologici e al capitale in forte espansione. Aziende come SpaceX, Blue Origin e Virgin Galactic stanno creando l’intero ecosistema del viaggio nello spazio privato costruendo razzi e annunciando viaggi sub-orbitali con equipaggio. Tutti e tre sono di proprietà di alcune delle persone più ricche del pianeta che hanno tasche profonde per finanziare tali sforzi.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.