[UE] Inclusione abitativa: autocostruzione e autorecupero di alloggi

Reading Time: 2 minutes read

Il Progetto si collega al problema del disagio abitativo sofferto dai soggetti svantaggiati individuati come target e riconosce nell’autocostruzione e l’autorecupero validi processi associati di risposta anche alle esigenze dell’inclusione sociale.

Da un lato la costituzione in comunità operativa dei diretti beneficiari, dall’altro la necessità di una buona capacità di lavoro in gruppo e di fiducia nel prossimo con il coinvolgimento diretto dei soggetti svantaggiati candida il Progetto a sperimentare un modello innovativo di relationship territoriale, funzionale allo sviluppo dei sistemi locali di welfare privilegiando la riconversione produttiva delle risorse umane escluse dal mercato del lavoro.

Il Progetto individua la risposta alla necessità abitativa come necessaria per l’inclusione: l’abbandono di interventi esterni alle comunità di beneficiari che impongono la scelta della separazione fisica e i modelli abitativi segreganti dei “campi di sosta” o dei “centri di accoglienza”.

Il Progetto cura particolarmente gli aspetti organizzativi, che tendono a definire un innovativo sistema basato su particolari situazioni del processo edilizio, in cui uno o più attori dell’iter stesso coincidono con l’utilizzatore finale del prodotto.

Il Progetto prevede che l’Amministrazione che investe nell’Housing Sociale si affidi alle competenze di uno staff di persone preparate che garantisca la cura degli aspetti sociali e organizzativi fra gli attori del processo costruttivo – che in gran parte saranno gli utenti finali- che monitori e porti avanti l’iter finanziario e burocratico della complessa genesi del processo autocostruttivo o di autorecupero, che svolga la funzione di facilitatore nei processi della progettazione partecipata prima e delle fasi operative di cantiere.

Quest’obiettivo è conseguito dall’interazione dei Servizi coinvolti (Politiche Sociali e Lavori Pubblici) in modo che il beneficiario finale sia posto al centro del processo progettuale, sia coinvolto nell’acquisizione di competenze certificate in campo edile, sia impiegato nei lavori e benefici dell’alloggio secondo sistemi di canone agevolato basato sul reddito o sullo scorporo del valore della prestazione lavorativa.

Il corretto svolgimento del Progetto porterà alla realizzazione di alloggi a costi sensibilmente inferiori al mercato, alla piena risposta all’esigenza abitativa sia in termini di numero di alloggi che di qualità architettonica ed urbanistica degli stessi come risultato della coprogettazione, di acquisizione di competenze professionali spendibili sul mercato come atto d’inclusione sociale.

Data di inizio: Ottobre 2018

Data di fine: Dicembre 2023

Importo: € 936.767,76

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.