UE intervenga per frenare ostacolo a libertà di stampa, in Ungheria

Reading Time: 2 minutes read

La libertà di stampa in Ungheria è in pericolo poiché tale paese (Europeo) ha soffocato i suoi media indipendenti ed ha imposto un livello di controllo sui giornalisti, senza precedenti, secondo un rapporto congiunto di ‘sei cani da guardia’ della stampa internazionale che invita i leader dell’UE ad agire.

Il rapporto è stato compilato prima di un incontro della prossima settimana in cui i leader dell’UE discuteranno di punire l’Ungheria per aver eroso le norme democratiche sotto il premier Primo Ministro Viktor Orban.

“Il governo ungherese ha sistematicamente smantellato l’indipendenza, la libertà e il pluralismo dei media, ha distorto il mercato dei media e ha diviso la comunità giornalistica nel paese, raggiungendo un livello di controllo dei media senza precedenti in uno stato membro dell’UE”, afferma il rapporto.

Il portavoce del governo ungherese Zoltan Kovacs parla ai giornalisti presso l’ambasciata ungherese a Parigi, mercoledì, dicembre …
FILE – Il portavoce del governo ungherese, Zoltan Kovacs, parla ai giornalisti presso l’ambasciata ungherese a Parigi, 19 dicembre 2018.
Il portavoce del governo ungherese Zoltan Kovacs ha respinto le critiche in un post su Twitter.

“Fatto: presa TV con il più vasto pubblico, portale di notizie con il maggior numero di lettori, il più grande settimanale (sono) chiaramente pro-opposizione”, ha scritto Kovacs. “Ma il rapporto dice: i media dell’opposizione sono costantemente minacciati, essere silenziati. Cosa?”

I partiti nazionalisti al potere in Ungheria e Polonia hanno rafforzato il controllo su media, accademici, tribunali e gruppi di difesa, spingendo il Parlamento europeo ad avviare un cosiddetto procedimento legale ai sensi dell’articolo 7 contro entrambi i paesi dell’UE.

Il Consiglio europeo, che riunirà i leader degli Stati membri dell’UE, terrà un’audizione con i ministri degli affari europei il 10 dicembre per discutere i procedimenti contro entrambi i paesi.

Missione conoscitiva

Prima di quell’incontro, le sei organizzazioni, tra cui l’International Press Institute (IPI), il Committee to Protect Journalists (CPJ) e Reporter senza frontiere (RSF), hanno inviato una missione conoscitiva in Ungheria il mese scorso.

“La situazione dell’Ungheria non riceve l’attenzione che dovrebbe”, ha detto a Reuters il vicedirettore dell’IPI e leader della missione Scott Griffen. “È importante che il pubblico dell’UE e le sue istituzioni capiscano cosa sta succedendo in Ungheria.”

Il rapporto afferma che alcuni importanti punti vendita indipendenti sono rimasti in Ungheria, ma il loro peso sul mercato è stato ridotto dalle pubblicazioni filo-governative.

Ha affermato che Budapest ha “una chiara strategia per mettere a tacere la stampa critica (e far funzionare) un impero mediatico filo-governativo come una vasta macchina di propaganda”.

I critici affermano che sotto Orban i media statali sono diventati un portavoce obbediente del suo partito Fidesz, mentre il resto del panorama dei media è dominato da un conglomerato creato da uomini d’affari pro-Fidesz.

Il governo di Orban ha negato di compromettere la libertà di stampa.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.