UE, Progetti ricerca spaziale/quantistica: Tre paesi rischiano esclusione

Reading Time: 2 minutes read

Bruxelles si prepara a escludere i ricercatori con sede nel Regno Unito, Israele e Svizzera dai principali progetti di ricerca quantistica e spaziale, in un passo significativo che ricercatori e funzionari avvertono potrebbe avere ampie implicazioni per la collaborazione scientifica in Europa.

Secondo le ultime bozze di piani per Orizzonte Europa, verranno imposte restrizioni ai partner di ricerca più vicini dell’UE in diverse competizioni quantistiche e spaziali. Finora questi progetti erano aperti ai paesi dell’associazione, che hanno negoziato l’accesso ai programmi di ricerca dell’UE.

La mossa proposta, che è arrivata dalla Commissione europea ed è ora in discussione tra gli Stati membri, è stata accolta con sgomento e tristezza da ricercatori e funzionari, che hanno affermato che i cordoli danneggerebbero tutta l’Europa.

Il progetto di testo sostiene che la mossa è necessaria affinché l’UE possa proteggere la sua base di ricerca in settori in rapido sviluppo.

Il linguaggio evidenzia quanto sia cambiato il pensiero dell’UE quando si tratta di trovare l’equilibrio tra la collaborazione nella ricerca e gli interessi competitivi.

La proposta vedrebbe meno risorse nelle aree scientifiche chiave andare ai paesi associati e più risorse dedicate allo sviluppo di questi settori a casa.

Israele è uno degli Stati non UE (ve ne sono 12) che, insieme a Svizzera e Regno Unito, dovrebbero essere formalmente coinvolti come membro associato a pagamento di Horizon Europe, che inizia a emettere sovvenzioni nei prossimi mesi.

Katz, la cui ricerca si concentra sui dispositivi superconduttori per computer quantistici, ha affermato che in Israele sono in corso fino a 20 progetti quantistici che coinvolgono partner e finanziamenti dell’UE.

I cordoli proposti lascerebbero la Svizzera e Israele con un accesso meno privilegiato a Orizzonte Europa rispetto a quanto avevano avuto nei precedenti programmi di ricerca e sviluppo. Anche per il Regno Unito, che ha formalmente lasciato il blocco alla fine dello scorso anno, la mossa vedrebbe un forte declassamento del suo ruolo nei progetti chiave dell’UE.

La fine della cooperazione nella ricerca quantistica e spaziale chiave vedrebbe anche l’UE subire un colpo, poiché le sue università e i suoi laboratori perderebbero partner vitali, hanno avvertito i ricercatori.

Fonti nel testo

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.