Un drone per cercare persone disperse

Reading Time: 1 minute read

L’azienda svizzera Rega ha presentato un drone, sviluppato dalla stessa guardia aerea, in grado di sorvolare in modo autonomo vaste superfici di ricerca; dotato di diversi sensori permette localizzare le persone che necessitano d’aiuto.

La Rega ha tenuto conto della sua esperienza di decenni, in innumerevoli operazioni di ricerca.

Sul mercato non esiste ancora un sistema di droni in grado di soddisfare tutti i requisiti della Rega.

L’operazione di ricerca vola ad un’altitudine compresa fra gli 80 e i 100 metri, grazie alla navigazione satellitare, attraverso ampie aree di ricerca precise e autonome su una rotta definita.

Il drone è in grado di rivelare ed evitare, in modo indipendente altri velivoli o ostacoli, come cavi o elicotteri ed è anche dotato di un paracadute di emergenza.

Il drone comprende anche una termocamera. Questo software è stato sviluppato in collaborazione con il Politecnico federale di Zurigo.

L’apparecchio trasmette le aree dell’immagine in cui l’algoritmo “sospetta” la presenza di una persona in base al tipo di pixel all’operatore a terra, che le controlla manualmente.

Il prototipo di questo dispositivo è attualmente in fase di test in collaborazione con la polizia, responsabile delle ricerche di persone scomparse. Particolare attenzione viene prestata alla protezione dei dati sensibili.

Nota di redazione
Si ringrazia la redazione di TicinoNews per la utile segnalazione.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

PMComunicazione è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.