USA, Il mercato del lusso americano prospererà chiunque vinca le elezioni

Reading Time: 2 minutes read

Alcuni gestori di marchi di lusso negli Stati Uniti, come LVMH e Kering, ritenevano diversi mesi fa che le vendite fossero influenzate dalle elezioni presidenziali. Ma facendo una passeggiata lungo Madison Avenue e Fifth Avenue, a Manhattan, si evince che i consumatori sono desiderosi di spendere nonostante i titoli dei giornali drastici.

I consumatori facoltosi si sono frenati tra marzo e giugno 2020, ma da luglio sono tornati a spendere.

Storicamente, la domanda statunitense di beni di lusso è stata correlata al mercato azionario e, sebbene l’S & P 500 abbia avuto un brutto periodo la scorsa settimana, è ancora solo del 10% circa sotto il suo massimo storico.

In secondo luogo, con un significativo esodo dai centri cittadini come Manhattan al culmine della prima ondata di Covid ad aprile e di nuovo con la seconda ondata di luglio, le persone benestanti hanno conquistato nuove case nei sobborghi, facendo salire i prezzi.

I prezzi negli Hamptons sono aumentati in media del 46% nel terzo trimestre, secondo un rapporto compilato dalla società di valutazione Miller Samuel per la società immobiliare Douglas Elliman.

Terzo, come in Cina, ma in misura minore, il mercato del lusso statunitense ha beneficiato di un rimpatrio della spesa di lusso, poiché le famiglie benestanti abituate a volare in Europa in estate sono rimaste a casa.

I mercati azionari, il mercato immobiliare e il “staycationing” , ovviamente, sono soggetti alla volatilità. In effetti, economisti e giornalisti affermano che il risultato delle elezioni avrà conseguenze drammatiche per le aliquote fiscali, il mercato azionario e la prosperità economica complessiva, che a loro volta dovrebbero avere implicazioni per la spesa nel lusso.

Oggi, i marchi stanno reclutando molti nuovi giovani consumatori desiderosi di acquistare prodotti iconici basati sul logo, piuttosto che sulla provenienza di quei prodotto di lusso.

In conclusione il mercato del lusso americano ha buoni giorni avanti.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.