USA, Microsoft riceve 21,9 miliardi di dollari da esercito

Reading Time: 2 minutes read

Microsoft afferma che il suo programma IVAS (Integrated Visual Augmentation System) passerà dalla prototipazione rapida alla fase di produzione e messa in campo rapida.

L’auricolare IVAS, basato su HoloLens e potenziato dai servizi cloud Microsoft Azure, è stato sviluppato per l’uso con l’esercito degli Stati Uniti.

IVAS può colmare le lacune di capacità nella forza di combattimento ravvicinato smontata che è stata identificata dalla leadership dell’esercito tramite la Strategia di difesa nazionale 2018.

Assomiglia a un paio di occhiali di grandi dimensioni , mentre integra i sistemi tecnologici chiave in un dispositivo per fornire un’unica piattaforma per i soldati per combattere, provare e addestrare. Fornisce una maggiore consapevolezza della situazione, consentendo anche la condivisione delle informazioni e il processo decisionale in una varietà di scenari.

IVAS è stato sviluppato per bilanciare il peso e il carico del soldato con le sue capacità avanzate.

Mentre le cuffie passano dalla fase di prototipazione alla fase di produzione, Microsoft ha ottenuto un contratto per un valore fino a 21,88 miliardi di dollari nel prossimo decennio, secondo un rapporto di Reuters. Ciò segue un contratto da 480 milioni di dollari assegnato al gigante tecnologico di Redmond, WA per sviluppare un prototipo nel 2018.

La piattaforma è attualmente alla sua terza iterazione, che sta affrontando la robustezza del sistema. Mentre i test precedenti utilizzavano auricolari Microsoft HoloLens 2 commerciali, quelli si sono dimostrati non adatti alle condizioni del campo di battaglia, comprese le condizioni meteorologiche avverse. Una versione rinforzata di IVAS è stata testata lo scorso ottobre a Fort Pickett da membri della 82a divisione aviotrasportata e da alcuni marines.

Dopo quasi due anni di sviluppo, il sistema IVAS dovrebbe essere messo in campo entro il 2021 e Microsoft ha annunciato che produrrà cuffie per 120.000 membri della Army Close Combat Force. Con questo accordo, Microsoft diventerà un fornitore di tecnologia più importante per le forze armate statunitensi.

Nel 2019, la società si è assicurata un contratto per fornire servizi cloud al Dipartimento della Difesa (DoD), battendo altri colossi tecnologici tra cui Amazon , con quest’ultimo che ha contestato il contratto in tribunale.

L’IVAS utilizzerà la tecnologia della realtà aumentata (AR), incluso il mirino mirato che può essere collegato in modalità wireless a un mirino intelligente di una pistola sull’arma di un utente; mentre un display heads-up può fornire una varietà di dati tattici inclusi i puntatori agli obiettivi, la posizione delle unità amiche e persino gli avvisi sulle minacce.

Inoltre, l’auricolare può essere utilizzato per lo streaming di download video in diretta da droni, elicotteri, veicoli terrestri e sensori di altri soldati. Ciò potrebbe consentire ai combattenti di guerra di individuare una situazione prima che i loro stivali siano a terra. E ‘anche in grado di fornire uplink a artificiale intelligenza , che può essere utilizzato per identificare e prioritarie rapporto bersagli.

In situazioni di allenamento, IVAS può funzionare in modo molto simile a sforzi AR simili, in cui può fornire nemici simulati e persino fuoco di armi, che verrebbe sovrapposto al terreno reale.

Fonti nel testo

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.