Utilizzo intelligenza artificiale (AI) per stabilire connessioni

Reading Time: 1 minute read

Gli esperti affermano che ci sono pro e contro nell’intelligenza artificiale nell’assistenza sanitaria e che la FDA deve tener conto di entrambi per garantire una regolamentazione adeguata.

Per quanto riguarda i benefici, le normative sull’intelligenza artificiale nella tecnologia consentirebbero soluzioni ancora più rapide per la cura del singolo paziente.

Con la guida della FDA, ciò significa che sarà più facile fare cose come usare l’intelligenza artificiale per leggere immagini radiologiche, acquisire e interpretare esami ecografici e persino accelerare il processo di rilevamento di COVID-19 nei pazienti ospedalieri analizzando campioni di sangue di routine.

Tuttavia, ci sono altre implicazioni quando si tratta di AI e dei suoi algoritmi creati dall’uomo.

I problemi dell’IA sono i pregiudizi, specialmente nei confronti delle persone di colore.

Tuttavia, la speranza è che questo pregiudizio e altri ostacoli dell’IA, come il lungo processo di raccolta ed etichettatura dei dati, diminuiranno in modo significativo con queste nuove normative.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.