Venezuela denuncia violazione spazio aereo da parte degli Stati Uniti

Reading Time: 1 minute read

Il ministro della Difesa venezuelano, Vladimir Padrino Lopez, ha espresso attraverso il suo account Twitter ufficiale una nuova violazione dello spazio aereo di quella nazione bolivariana da parte di un aereo di intelligence appartenente agli Stati Uniti.

La pubblicazione ha spiegato che questa irruzione nella sovranità del paese sudamericano è stata catturata e registrata dai sensori del comando di difesa aerospaziale integrale (Codai), mercoledì 9 ottobre.

“Ancora una volta i sensori del Comando globale di difesa aerospaziale hanno rilevato un aereo di intelligence strategica RC-135 degli Stati Uniti”, ha detto Padrino.

“L’arroganza imperiale, nella sua strategia di assedio, non smette di desiderare di conoscere tutte le attività commerciali, i movimenti aerei e marittimi nella nostra area di influenza, mettendo ancora una volta a rischio le operazioni aeree nella regione di informazione di volo (FIR Maiquetía)”, chiarì il ministro.

Padrino López ha ripetutamente denunciato la flagrante invasione dello spazio aereo e marittimo del Venezuela, da parte di navi e manufatti diretti dalle forze governative statunitensi.

Fonte
TeleSur

Foto d’archivio

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.