Visita reale del principe William in Kuwait e Oman

Reading Time: 1 minute read

Il principe William, duca di Cambridge, è arrivato martedì a Khasab, Oman, per una visita di tre giorni. L’ambasciata del Regno Unito in Oman ha affermato che la visita si concentrerà sugli interessi di sicurezza comuni tra i due paesi.

La visita è avvenuta nel quadro di solide relazioni bilaterali, rafforzerebbe la cooperazione esistente in vari campi per servire gli interessi comuni di entrambi i popoli, secondo l’agenzia di stampa Oman.

L’itinerario del principe è pieno di impegni, che hanno lo scopo di “rendere omaggio agli storici legami della Gran Bretagna con Kuwait e Oman, e metteranno in evidenza forti legami e cooperazione in molte aree, tra cui istruzione, ambiente e difesa”, secondo il sito web di royals.

La sera, il principe William ha incontrato lo sceicco Mohamed Abdullah e la gioventù locale in una tradizionale tenda kuwaitiana, fuori Kuwait City. Il principe completò lui stesso diversi anni di servizio militare, prima di impegnarsi a lavorare a tempo pieno come reale. In ottobre, il principe William ha visitato il Pakistan con sua moglie Kate Middleton.

Fonte

Photo courtesy by author

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.