Volkswagen e Tesla rivali sul mercato dei veicoli elettrici

Reading Time: 2 minutes read

Questa settimana, dopo che uno scandalo Volkswagen di quattro anni è tornato a perseguitare il suo CEO Herbert Diess , il suo amico di Tesla, Elon Musk , si è alzato senza esitazione e ha gridato il supporto da un oceano lontano.
Martedì pomeriggio, in risposta a un articolo di Bloomberg Opinion che ridicolizza il ruolo di Diess nello scandalo di alto profilo della Volkswagen Dieselgate del 2015, Elon Musk ha twittato: “Herbert Diess sta facendo più di qualsiasi grande casa automobilistica per diventare elettrico. Il bene del mondo dovrebbe venire per primo. Per quello che vale, ha il mio supporto. ”
Ecco alcune informazioni di base sullo scandalo Dieselgate: a settembre 2015, la US Environmental Protection Agency (EPA) ha scoperto che la Volkswagen aveva manipolato intenzionalmente i controlli delle emissioni nelle sue auto durante i test di laboratorio, il che ha portato a rapporti di laboratorio fuorvianti che sottostimavano l’effettivo di quelle auto livello di emissione di gas serra fino a 40 volte. La cattiva condotta ha interessato circa 11 milioni di automobili Volkswagen prodotte tra il 2009 e il 2015 in tutto il mondo, tra cui mezzo milione di automobili negli Stati Uniti
La Volkswagen è stata condannata a pagare $ 2,8 miliardi di multe penali e $ 1,5 miliardi di danni civili negli Stati Uniti
Lo scandalo è tornato alla ribalta il mese scorso quando un tribunale tedesco ha scoperto che la Volkswagen aveva implementato un cheat device in un aggiornamento software progettato per “riparare” i numeri delle emissioni nelle auto colpite da Dieselgate.
Legando alla rinnovata controversia sulla Volkswagen, l’articolo di Bloomberg di martedì ha richiamato l’attenzione sullo sfortunato momento in cui Diess si è unito al colosso automobilistico tedesco poco prima che scoppiasse lo scandalo. (Secondo la sua offerta di lavoro, Diess avrebbe dovuto iniziare alla Volkswagen il 1 ° ottobre 2015, ma si è offerto di iniziare presto il 1 ° luglio. Lo scandalo è stato esposto a settembre.)
Anche questa settimana Diess ha dovuto affrontare nuove accuse in Germania relative a Dieselgate. I pubblici ministeri tedeschi hanno affermato che Diess aveva intenzionalmente negato la conoscenza dello scandalo degli azionisti prima che le azioni della Volkswagen precipitassero di un terzo a settembre sulla notizia.
La Volkswagen ha sostenuto che tali accuse erano infondate, poiché la società non aveva previsto le conseguenze finanziarie della sonda dell’EPA sulla sua condotta scorretta.
Fonte
observer.com/

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.