H&M smette acquistare cuoio dal Brasile

Reading Time: 2 minutes read

Il rivenditore di abbigliamento a basso costo H&M ha dichiarato venerdì di sospendere gli acquisti di pelletteria dal Brasile per assicurarsi che non sostenga l’allevamento di bestiame, e in conseguenza contribuire agli incendi nella foresta pluviale amazzonica.

La mossa della società con sede a Stoccolma segue una decisione simile da parte del produttore di scarpe Vans e Timberland. Alcuni investitori internazionali stanno anche cercando di esercitare pressioni sul governo brasiliano, che è stato visto come troppo lento nel suo approccio alla protezione della foresta pluviale.

Hennes & Mauritz AB hanno dichiarato che il suo divieto temporaneo sulla pelle dal Brasile rimarrà in vigore “fino a quando non ci saranno assicurazioni credibili … che la pelle non contribuisce al danno ambientale in Amazzonia”.

La mossa potrebbe riguardare più il messaggio che l’impatto commerciale, dal momento che H&M procura la maggior parte della sua pelle dall’industria europea della carne, con solo una piccola parte dal Brasile. La società ha rifiutato di fornire cifre.

Nel 2017, meno dell’1% della gamma di abbigliamento di H&M era in pelle e utilizzava prodotti in pelle sintetica cinque volte più della vera pelle. Il gruppo si sta già allontanando dall’uso di materiali derivati ​​da animali.

La scorsa settimana, VF Corp., proprietario di Timberland, Vans e diversi altri marchi di calzature e abbigliamento, ha dichiarato di aver smesso di acquistare cuoio dal Brasile a causa degli incendi nella foresta pluviale.

Con sede a Greensboro, nella Carolina del Nord, VF Corp. ha dichiarato che non acquisterà pellami e pellami dai fornitori brasiliani fino a quando non sarà garantito che i materiali “non contribuiscono al danno ambientale nel paese”. VF afferma che il 5% della pelle che acquista per i suoi prodotti proviene dal Brasile.

Gli attuali incendi in Amazzonia sono in gran parte attribuiti alle persone che ripuliscono la foresta per l’allevamento di bestiame e le colture. Circa il 60% della foresta pluviale amazzonica si trova in Brasile.

Fonte
abcnews.go.com

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.