Italia, Corruzione fra privati; dieci funzionari di Leonardo indagati

Reading Time: 1 minute read

I militari del Nucleo di polizia economico – finanziaria della Guardia di Finanza hanno acquisito documenti importanti, nelle sedi della Leonardo a Roma e Pomigliano d’Arco, per avvalere i reati fiscali di riciclaggio e quelli di corruzione di privati che coinvolgono dieci manager del gruppo suddetto che risulta essere parte lesa.

I pagamenti delle presunte tangenti venivano effettuati grazie al servizio Google Payments, che consentiva di nascondere l’identità delle persone coinvolte. E’ questo lo stratagemma che veniva usato per pagare tangenti, individuato dal pm milanese.

Sono indagate altre 4 persone e 3 società, tra cui Google Ireland e Google Payments.

Alcuni dirigenti della società fornitrice Trans-Part srl, con sede a Milano e che risulta indagata, avrebbero corrisposto ai manager del gruppo ex Finmeccanica regalie e compensi per ottenere delle commesse, anche a fronte di contratti fittizi.

Il sistema corruttivo era organizzato in modo tale da far rientrare il danaro in Italia attraverso bonifici, ad oggi sono stati rintracciati solo 400mila euro, cifra destinata certamente a salire secondo le dichiarazioni del pm.

Fonti: Il Gazzettino Vesuviano / Imola Oggi

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.