Ursula von der Leyen concorda al “certificato di vaccinazione” europeo

Reading Time: 1 minute read

Il capo del governo greco martedì ha chiesto all’Unione europea di adottare un certificato di vaccinazione “standardizzato” per dare una mano all’industria del turismo, che è gravemente colpita dalla pandemia di coronavirus.

In conseguenza di questa richiesta la Commissione europea è a favore di un certificato di vaccinazione “reciprocamente riconosciuto” contro il nuovo coronavirus, ha detto il suo presidente, Ursula von der Leyen, in un’intervista.

Gli fa eco però il presidente rumeno Klaus Iohannis che ha respinto la proposta del primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis per un certificato di vaccinazione COVID-19 per tutta l’UE, dicendo che “non è bene dividere l’Europa in due”.

“Non credo sia una buona idea. Ci deve essere un certificato di vaccinazione, ma deve essere usato per motivi medici, non per viaggiare”, ha detto Iohannis, visto come uno stretto alleato del cancelliere tedesco Angela Merkel.

“Si tratta di dati importanti per il medico di famiglia o per chi si occupa di qualcuno in caso di emergenza. Tuttavia, utilizzare questi certificati per dividere in due la popolazione europea non mi sembra una buona cosa”, ha detto Iohannis.

Mitsotakis ha inviato una lettera all’inizio di questa settimana al presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen proponendo che i certificati di vaccinazione vengano utilizzati per le persone che viaggiano.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.