Europol: presunto furto di criptovaluta da $ 100 milioni

Reading Time: 1 minute read

Europol, l’agenzia di polizia europea, ha dichiarato di aver assistito all’arresto di 10 hacker sospettati di aver rubato 100 milioni di dollari in criptovaluta, in attacchi di “scambio di SIM”, che hanno permesso ai sospettati di accedere ai telefoni delle loro vittime.

Gli arresti sono stati effettuati dopo un’indagine con la collaborazione di Gran Bretagna, Stati Uniti, Belgio, Malta e Canada, ha detto Europol.

In un attacco di scambio di SIM, i criminali possono ottenere il controllo su una SIM, il piccolo chip del computer che contiene un numero di telefono utilizzato per identificare un cliente su una rete di telecomunicazioni. Di solito una compagnia telefonica viene indotta a disattivare una SIM funzionante e trasferire le sue funzioni a una controllata dagli hacker.

Europol non ha identificato le vittime né ha detto dove sono avvenuti gli arresti. Ha consigliato al pubblico di non utilizzare servizi che utilizzano messaggi di testo per facilitare l’accesso agli account online, poiché questi sono vulnerabili agli attacchi di scambio di SIM, che a suo avviso sono in aumento.

Una delle vittime più importanti di un attacco di scambio di SIM in passato è stato il CEO di Twitter Jack Dorsey, nel 2019.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.