Le criptovalute possono aiutare a creare una “società parallela”

Reading Time: 2 minutes read

Un congresso degli hacker a Praga venerdì ha salutato le nuove criptovalute come uno strumento per liberarsi dai vincoli della vita moderna e spostarsi verso una “società parallela” più libera.

“Opt out of the system” è il motto del congresso annuale che riunisce centinaia di artisti, sviluppatori di bitcoin , hacker, nomadi, attivisti e criptoanarchici, alcuni che indossano maschere per ostacolare l’identificazione.

“Usa la tecnologia crittografica per riguadagnare la privacy, per salvare la libertà, per avanzare dal primo regno limitato e per costruire il secondo”, hanno detto gli organizzatori.

I governi hanno utilizzato i passaporti per 100 anni per contrassegnare le persone, rubare i loro dati e rafforzare i propri poteri, hanno aggiunto.

“Soprattutto a questo punto della storia … è davvero importante avere un’identità separata, per vivere un’esistenza parallela”, ha detto ai giornalisti Paul Rosenberg, fondatore della società di protezione dei dati di Cryptohippie, promuovendo il trasferimento in un paese più liberale o uso di criptovalute.

“I Greci erano una civiltà fortemente decentralizzata: c’erano circa un migliaio di stati della città greca. E ci davano arte, scienze, geometria, teatro”, ha aggiunto.

Il geografo, scrittore e insegnante dell’Università di Oxford Nick Middleton ha citato le comunità nomadi come esempio di una società parallela separata dalle “comunità stabili che dominano il pianeta”.

“Ai governi non piacciono le persone che si muovono”, ha detto.

“In Europa abbiamo zombie che amano muoversi e che i governi li odiano. Non possono controllarli, non possono tassarli, ma è anche difficile educare i loro figli”.

Chiamare le criptovalute come strumento per liberarsi, Rosenberg ha detto che il bitcoin, uno dei principali argomenti del congresso, stava diventando una storia di successo.

“Stiamo guardando un intero sistema economico emergere dal nulla”, ha detto.

“La prima transazione di bitcoin è stata di 10.000 bitcoin per una pizza. Ora stiamo guardando una valuta globale che ha resistito a tremendi attacchi, tremendo disprezzo e odio. E continua.”

Fonte
techxplore.com

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.