Quote China Telecom, BlackRock vende 200 milioni dollari

Reading Time: 1 minute read

BlackRock ha venduto quasi tutta la sua partecipazione in China Telecom, una società soggetta a un nuovo divieto di investimento negli Stati Uniti.

La mossa arriva mentre gli investitori statunitensi si affrettano a uscire dalle azioni soggette alle sanzioni, che vietano agli americani di possedere società ritenute avere legami con l’esercito cinese.

Il più grande gestore patrimoniale del mondo ha venduto 818 milioni di azioni di China Telecom, una delle 44 società sanzionate, a una media di HK $ 1,92 ciascuna, ha mostrato un deposito di Hong Kong, il 12% al di sotto del prezzo di chiusura di martedì.

Il settore delle telecomunicazioni indiano, nello sforzo di consentire politiche che includano più quantum dello spettro, è impostato per stabilire nuovi parametri di riferimento nelle implementazioni di rete di prossima generazione e nella fornitura di servizi.

Il deposito non ha fornito alcun motivo per la vendita di 1,6 miliardi di HK $ (206 milioni di dollari), che ha ridotto la partecipazione di BlackRock in China Telecom dal 6,1% allo 0,2%, e BlackRock non ha avuto commenti immediati.

BlackRock ha detto lunedì che i suoi fondi indicizzati hanno rettificato le partecipazioni per riflettere le mosse di MSCI Inc, FTSE Russell e S&P Dow Jones Indicies per tagliare China Telecom e altre società colpite dalle sanzioni dai loro benchmark.

La Trump amministrazione ha ampliato il divieto di investimento, per un extra di nove aziende il Mercoledì, e gli investitori si aspettano più liquidazioni a venire da grandi fondi degli Stati Uniti prima che le regole hanno effetto nel novembre 2021.

Il ministero degli Esteri cinese ha affermato che le sanzioni equivalgono a un’oppressione sfrenata delle società cinesi. Venerdì le azioni di China Telecom sono aumentate dell’1,4% chiudendo a 2,34 $, poiché alcuni investitori non statunitensi hanno cercato di acquistare il titolo a buon mercato.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.