Giappone e diritti lavoro, Alle donne il divieto occhiali e utilizzare cosmetici

Reading Time: 1 minute read

” La radice del problema è che (alcune aziende) hanno regolamenti applicabili solo alle donne, come il divieto di occhiali o l’obbligo di utilizzare cosmetici, che sono eccessivi “, ha detto Yumi Ishikawa ai giornalisti. ” Queste pratiche dovrebbero essere riviste .”

L’attrice e autrice è diventata nota all’inizio dell’anno quando ha lanciato la sua battaglia contro la cultura aziendale giapponese in cui indossare tacchi alti è considerato quasi obbligatorio per le donne in cerca di lavoro o semplicemente per lavorare in molti gruppi giapponesi.

La sua campagna si chiamava ” #KuToo “, il gioco di parole sulla parola ” Kutsu ” (calzature) e ” kutsuu ” (dolore). Un neologismo che, d’altra parte, ha acquisito il suo posto lunedì nella classifica 2019 delle parole che segnano ogni anno trascorso in Giappone .

La sua nuova petizione, depositata martedì presso il Ministero del Lavoro, ha già raccolto 31.000 firme. Un funzionario del ministero che ha ricevuto la petizione ha affermato che sarebbe stato ” considerato un’opinione tra gli altri ” prima di prendere una decisione definitiva sui nuovi regolamenti governativi per combattere le molestie sul posto di lavoro.

Fonte
AFP – Peru21.pe

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.