La domanda asiatica guida la performance globale di Estée Lauder

Reading Time: 3 minutes read

The Estée Lauder Companies Inc. ha registrato un fatturato netto di $ 4,85 miliardi per il secondo trimestre conclusosi il 31 dicembre 2020, con un aumento del 5% su un base riportata e 3 per cento in valuta costante, rispetto ai 4,62 miliardi di dollari dello stesso periodo dell’anno scorso.

L’azienda è tornata a crescere nel trimestre prima del previsto, attribuito dal presidente e amministratore delegato Fabrizio Freda ai “molteplici motori della strategia di crescita”.

Le vendite di e-commerce e viaggi al dettaglio migliori del previsto in Asia sono state compensate da un minor traffico pedonale e dalla chiusura temporanea di negozi al dettaglio (la Cina continentale e la Corea del Sud hanno registrato risultati particolarmente positivi per Estée Lauder).

La società ha registrato una crescita tra dieci dei suoi marchi in portafoglio, guidato da Estée Lauder e La Mer .

Lo ha attribuito a una combinazione vincente di tecnologia, dati e dei suoi consulenti di bellezza, con la loro capacità di “fornire servizi di alto livello che arricchiscono l’esperienza di acquisto online”.

Il marchio ha aggiunto che prevede di fornire una crescita delle vendite in miglioramento sequenziale ogni trimestre per il resto dell’anno fiscale 2021.

In termini di impatto continuo della pandemia COVID-19 sull’ambiente operativo dell’azienda, Estée Lauder ha osservato che aveva avuto un impatto temporaneo sul traffico al dettaglio e su “alcune preferenze dei consumatori” insieme a rinnovate restrizioni governative a seguito di una recrudescenza dei casi COVID-19 più tardi nel secondo trimestre.

Tuttavia, la società ha notato che la maggior parte dei negozi al dettaglio di mattoni e malta che vendono prodotti a marchio del portafoglio Estée Lauder sono stati aperti nel secondo trimestre nonostante una diminuzione complessiva del traffico pedonale.

Un’area di particolare preoccupazione per l’azienda sarà senza dubbio la continua riduzione dei viaggi internazionali, che ha ridotto le vendite nelle principali destinazioni turistiche, in particolare quelle apprezzate dai turisti cinesi.

La società ha ancora registrato un aumento a una cifra delle vendite nette del travel retail, principalmente a causa dei viaggi all’interno della regione Asia / Pacifico.

Le suddette mutevoli preferenze dei consumatori si sono riflesse nei risultati del secondo trimestre dell’azienda tramite indicazioni che la domanda di trucco rimane tiepida rispetto alla cura della pelle, alle fragranze e ai prodotti per la cura dei capelli, che sono più a prova di quarantena.

La continua domanda di prodotti per la cura della pelle, in particolare, ha determinato una crescita a due cifre per Estée Lauder e La Mer.

Nel frattempo, i marchi di fragranze in portafoglio Le Labo e Editions de Parfums Frédéric Malle hanno registrato una crescita delle vendite nette totali a due cifre e sono stati registrati aumenti anche per Jo Malone London e Tom Ford Beauty. Senza dubbio, Estée Lauder ha beneficiato nel secondo trimestre della continua frenesia dei profumi che ha travolto la Cina.

Le fragranze per la casa – tradizionalmente una vendita difficile in Cina – hanno visto un aumento della domanda nell’ultimo anno come sottoprodotto del movimento “homebody lifestyle” che ha guadagnato massa critica all’inizio del 2020 ed è stato promosso da popolari programmi homebody e single living-centric come “I Want to Live Like This” (我 要 这样 生活) di iQiyi, “Not a Loner” (看 我 的 生活) di Youku e “Make Life Beautiful” (让 生活 好看) di Tencent Video.

Ma nel complesso, i marchi da tenere d’occhio nel portafoglio di Estée Lauder durante il secondo trimestre sono stati Estée Lauder (il marchio di bellezza più venduto all’11.11 Global Shopping Festival di Tmall ), La Mer (che è stato il marchio di bellezza di lusso più venduto su 11.11 Global di Tmall. Shopping Festival) e Dr.Jart +, un marchio acquisito dalla società nel dicembre del 2019 che ha contribuito per circa il 7% alla crescita delle vendite nette di prodotti per la cura della pelle.

Fonti indicate nel testo

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.