La Porsche Taycan nel mirino autorita’ dei trasporti americana

Reading Time: 1 minute read

La Porsche Taycan è nel mirino della NHTSA (National Highway & Transportation Security Agency), l’agenzia di trasporto statunitense. Alcuni esempi di berlina elettrica hanno infatti posto un problema ai loro proprietari .

Molti di loro si sono lamentati di perdite di potenza inspiegabili, che hanno spinto le autorità ad agire. L’NHTSA riporta nove reclami e sei spiegando che l’auto non si è riavviata dopo la perdita di potenza.

Queste perdite di potenza si sono verificate senza messaggi di errore o avvisi. È difficile sapere se il messaggio arriva dopo la perdita di alimentazione o se alcuni proprietari hanno riscontrato problemi diversi.

Porsche ha insistito per garantire la sua piena collaborazione con l’NHTSA di fronte al problema e rassicurante sulla Taycan.

“La nostra priorità è la sicurezza di chiunque viaggi in una delle nostre auto” , ha affermato il marchio. “Siamo a conoscenza dei reclami di nove clienti e abbiamo ricevuto la richiesta da NHTSA. Non vediamo l’ora di affrontare questo problema. ”

“E vogliamo rispondere alle domande NHTSA in modo da poter risolvere rapidamente il problema, se ce n’è uno confermato. Tutti i Taycan rimangono al sicuro, non siamo a conoscenza di incidenti legati a questo problema. “

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.