Economia indiana si deteriora nuovamente

Reading Time: 2 minutes read

Dopo aver mostrato segnali di miglioramento a dicembre 2019, la pagella economica dell’India si è nuovamente deteriorata a gennaio 2020, con 10 dei 16 indicatori ad alta frequenza seguiti dal Mint Macro Tracker in rosso (sotto la tendenza media a cinque anni).

Dei rimanenti sei, solo tre indicatori erano in verde (o al di sopra della tendenza media a cinque anni) a gennaio, mentre tre hanno mantenuto la tendenza. Le prestazioni di questo mese hanno annullato i miglioramenti osservati un mese fa quando sei indicatori erano in verde e nove erano in rosso.

Il tracker suggerisce che l’economia è in una forma peggiore rispetto a un anno fa, quando sei indicatori erano in rosso e sei in verde. Questo è anche l’ottavo mese consecutivo in cui almeno la metà dei 16 indicatori erano in rosso.

Il Mint Macro Tracker, lanciato a ottobre 2018, fornisce un rapporto mensile sullo stato dell’economia basato sulle tendenze di 16 indicatori in quattro segmenti: economia dei consumi, economia dei produttori, settore esterno e facilità di vita.

Il deterioramento di gennaio è in gran parte dovuto al settore esterno. Il punteggio del settore esterno è peggiorato per tre motivi: la contrazione delle esportazioni ad alta intensità di manodopera è peggiorata a -8% a gennaio dal -3% di un mese fa, il deficit commerciale (come percentuale del commercio totale) si è ampliato al 23% da 17 % e la rupia è scesa contro il dollaro (-0,2%), dopo aver apprezzato il mese scorso (0,4%). Solo la copertura delle importazioni (a 11.5) è rimasta in verde.

È probabile che i guai del settore esterno dell’India siano peggiorati solo a febbraio con lo scoppio del virus Coronavirus (COVID-19) che colpisce il commercio, sebbene l’impatto sul commercio dell’India dovrebbe essere inferiore a quello di altre economie della regione.

Una preoccupazione maggiore potrebbe essere il contagio dei mercati finanziari globali, che non aveva previsto il pieno impatto della diffusione del virus sulle catene di approvvigionamento globali.

Se il contagio finanziario si diffonde più rapidamente del contagio del virus stesso, i mercati azionari e valutari in India saranno colpiti duramente.

I guai domestici si aggiungono a una visione esterna fiacca.

Gli indicatori della domanda sono deboli da molto tempo ormai. La nuova preoccupazione è l’inflazione al dettaglio, che è salita al 7,6% a gennaio, al di là della gamma target di RBI, facendo precipitare le speranze che l’inflazione avesse raggiunto il picco a dicembre.

L’aumento dell’inflazione in un momento di rallentamento della crescita dei salari ha fatto sì che i salari rurali reali si siano effettivamente ridotti rispetto al periodo dell’anno precedente, suggerendo che la vita in campagna sta diventando sempre più dura.

Tutti e quattro gli indicatori della facilità di vita della scorecard — inflazione CPI (7,6%), inflazione CPI core (4,2%), crescita dei salari rurali reali (-2,1%) e prospettive occupazionali (-1,6%) – sono peggiorati rispetto ai mesi precedenti.

Fonte : Live Mint

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

PMComunicazione è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.