Green Deal europeo

Reading Time: 2 minutes read

La Commissione europea propone un nuovo approccio per un’economia blu sostenibile nell’UE per le industrie e i settori legati agli oceani, ai mari e alle coste. Un’economia blu sostenibile è essenziale per raggiungere gli obiettivi del Green Deal europeo e garantire una ripresa verde e inclusiva dalla pandemia.

Tutti i settori dell’economia blu, compresi la pesca, l’acquacoltura, il turismo costiero, i trasporti marittimi, le attività portuali e la costruzione navale, dovranno ridurre il proprio impatto ambientale e climatico. Affrontare le crisi climatiche e della biodiversità richiede mari sani e un uso sostenibile delle loro risorse per creare alternative ai combustibili fossili e alla produzione alimentare tradizionale.

La transizione verso un’economia blu sostenibile richiede investimenti in tecnologie innovative. L’energia delle onde e delle maree, la produzione di alghe, lo sviluppo di attrezzi da pesca innovativi o il ripristino degli ecosistemi marini creeranno nuovi posti di lavoro e imprese verdi nell’economia blu.

La Commissione europea e il gruppo della Banca europea per gli investimenti, composto dalla Banca europea per gli investimenti e dal Fondo europeo per gli investimenti (FEI), intensificheranno la loro cooperazione su un’economia blu sostenibile. Le istituzioni lavoreranno insieme agli Stati membri per soddisfare le esigenze di finanziamento esistenti per ridurre l’inquinamento nei mari europei e sostenere gli investimenti per l’innovazione blu e la bioeconomia blu.

Il nuovo Fondo europeo per gli affari marittimi, la pesca e l’acquacoltura, in particolare con la sua piattaforma “BlueInvest” e il nuovo Fondo BlueInvest , sosterrà la transizione verso catene del valore più sostenibili basate sugli oceani, sui mari e sulle attività costiere. Per finanziare ulteriormente la trasformazione, la Commissione ha esortato gli Stati membri a includere investimenti per un’economia blu sostenibile nei loro piani nazionali di resilienza e ripresa nonché nei loro programmi operativi nazionali per vari fondi dell’UE da qui al 2027. Altri programmi dell’UE come il Contribuirà anche il programma di ricerca Orizzonte Europa e verrà istituita una missione dedicata sugli oceani e le acque.

Per quanto riguarda gli investimenti privati, i principi e gli standard di sostenibilità specifici per gli oceani concordati come l’ iniziativa finanziaria per l’economia blu sostenibile sponsorizzata dall’UE dovrebbero essere utilizzati nelle decisioni di investimento pertinenti.

L’economia blu dell’Unione europea comprende tutte le industrie e i settori legati agli oceani, ai mari e alle coste, siano essi basati direttamente nell’ambiente marino (es. Navigazione, frutti di mare, produzione di energia) o terrestre (es. Porti, cantieri navali, infrastrutture costiere). Secondo il più recente rapporto sull’economia blu , i settori tradizionali dell’economia blu forniscono 4,5 milioni di posti di lavoro diretti e generano oltre 650 miliardi di euro di fatturato.

La comunicazione odierna sostituisce la comunicazione sulla crescita blu del 2012. La direttiva sulla pianificazione dello spazio marittimo invita tutti gli Stati membri a pianificare formalmente il proprio spazio marittimo entro il 2021.

Fonte : ec.europa.eu/commission/presscorner

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.