Il potenziale mercato europeo dei manghi

Reading Time: 2 minutes read

Gli alberi di mango (nome scientifico: Mangifera indica ) sono coltivati ​​in regioni tropicali e subtropicali. Importanti varietà e ibridi per il mercato europeo includono Kent, Keitt e in alternativa Palmer. Le varietà fibreless sono più richieste a causa delle preferenze del consumatore.

I manghi sono un frutto tropicale popolare e il loro consumo è in aumento poiché i prezzi sono diventati più attraenti per i consumatori.

I manghi vengono comunemente importati dai paesi in via di sviluppo. Trovare un approvvigionamento affidabile è uno dei principali problemi per mantenere la stabilità nel mercato del mango.

Le importazioni totali di mango in Europa sono aumentate a quasi 400.000 tonnellate nel 2018, 38.000 tonnellate in più rispetto all’anno precedente. Tuttavia, i prezzi medi all’importazione (rapporto valore-peso) sono leggermente diminuiti: questo è probabilmente il risultato di maggiori volumi disponibili.

I consumatori ottengono il gusto per i mango, principalmente grazie alle varietà di mango senza fibre e alle migliori pratiche di maturazione. Tuttavia, il consumo di mango è principalmente guidato dall’offerta e principalmente influenzato da fattori esterni quali volumi disponibili, qualità, prezzo, consumo nei paesi di origine e promozione di frutti locali concorrenti in Europa (vedere anche le tendenze seguenti). Per questo motivo, le vendite di mango sono difficili da prevedere.

I volumi e i prezzi dell’offerta a breve termine possono essere volatili, ma con una riduzione dei prezzi medi del mango ci sarà un maggiore potenziale per promuovere il consumo.

I manghi sono un frutto popolare da reperire nei paesi in via di sviluppo
Le importazioni di mango dai paesi in via di sviluppo aumentano ogni anno del 9-13% circa (cfr. Figura 2). Ciò è in contrasto con le importazioni da altri fornitori non europei, principalmente Israele e Stati Uniti, che è molto inferiore e non mostra crescita.

Il commercio di mango dipende fortemente dai paesi con climi tropicali.

La crescita annuale dai paesi in via di sviluppo è un segno positivo che i coltivatori stanno gradualmente migliorando la qualità dei frutti e l’affidabilità dell’offerta.

A causa delle diverse zone climatiche e dei brevi periodi di raccolta, non esiste un solo paese o varietà di mango che possa offrire una lunga stagione di approvvigionamento. Ecco perché sono necessarie diverse varietà e fonti di produzione per garantire la continuità. Le campagne di produzione in questi paesi tropicali non sono sempre stabili.

Le carenze temporanee e l’eccesso di offerta (a causa di stagioni sovrapposte) a volte provocano un mercato di approvvigionamento irregolare. Questa volatilità e la necessità di più fornitori rendono difficile per gli operatori riempire i programmi di approvvigionamento con i principali acquirenti.

La mancanza di un’offerta di mercato programmata rende il mango un raccolto interessante per le esportazioni di piccoli coltivatori. Tuttavia, mentre anche i grandi produttori hanno problemi di qualità, per i piccoli produttori è spesso difficile rispettare le aspettative europee. Il mercato ha bisogno di stabilità in termini di qualità e offerta, ma non è sicuro fino a che punto questo migliorerà nel tempo.

Fonte : Eurostat / Freshplaza .com

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.