La carenza di silicio a livello mondiale è un problema politico

Reading Time: 2 minutes read

La carenza di silicio è diventata rapidamente anche una questione politica, soprattutto per Taiwan, che ospita il più grande produttore mondiale di chip a contratto, Taiwan Semiconductor Manufacturing Co Ltd (TSMC).

Il mese scorso il ministro dell’economia di Taiwan Wang Mei-hua ha incontrato i dirigenti dei principali produttori di chip taiwanesi , dopo che il ministro tedesco dell’economia Peter Altmaier ha scritto a Wang per chiederle aiuto per affrontare la carenza.

Secondo quanto riferito, Wang ha anche detto che anche gli Stati Uniti, l’Unione Europea e il Giappone sono stati in contatto.

E la questione della carenza di silicio è stata affrontata anche durante l’ incontro più importante di Taiwan con l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden , in particolare con il vice segretario aggiunto per la politica commerciale e i negoziati degli Stati Uniti Matt Murray.

Nel fine settimana, l’amministrazione presidenziale statunitense di Joe Biden ha dichiarato che sta cercando di intraprendere un’azione immediata per affrontare una carenza globale di semiconduttori che ha costretto le case automobilistiche statunitensi a rallentare o interrompere temporaneamente la produzione.

Ciò è avvenuto dopo che le aziende di chip statunitensi avrebbero chiesto aiuto al governo per la creazione di fabbriche di produzione di chip negli Stati Uniti.

La maggior parte delle patatine al mondo sono attualmente prodotte in Asia.

Il problema della mancanza di silicio non è soltanto di VW, ma anche di altri per reperire i chip da inserire nei computer necessari per realizzare auto moderne.

Daimler (che produce Mercedes), Fiat, Honda, Ford, Nissan, Subaru e Toyota hanno dovuto sospendere la produzione per giorni o settimane alla volta.

Audi (parte del gruppo Volkswagen) ha anche confermato di dover rallentare la produzione a causa della carenza di chip di computer, costringendola a produrre 10.000 auto in meno nel primo trimestre dell’anno e mettendo in licenza più di 10.000 lavoratori.

All’inizio di questo mese Mazda ha avvertito che avrebbe tagliato la sua produzione globale di 7.000 veicoli a febbraio e marzo.

La scorsa settimana la General Motors ha confermato che stava estendendo i suoi tagli alla produzione a tre stabilimenti nordamericani.

Samsung ha anche recentemente avvertito che una carenza globale di semiconduttori per auto potrebbe avere un effetto a catena sui chip di memoria utilizzati negli smartphone.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.