La Germania adotta una nuova legge sulla protezione dei dati e sulla privacy

Reading Time: 1 minute read

La protezione dei dati in Germania era fino a poco tempo fa regolamentata da una serie di leggi. Ciò ha portato a incertezza giuridica a causa di disposizioni parzialmente contraddittorie. Sia il Telemedia Act (TMG) che il Telecommunications Act (TKG) recentemente modificato hanno suscitato incertezza in alcuni ambienti.

La legge sulla protezione dei dati approvata giovedì (20 maggio) intende unificare le regole del paese e allinearle al regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’UE.

Secondo Hansjörg Durz, deputato cristiano-democratico (CDU), è stata “una buona giornata per la protezione dei dati”. Intervenendo in parlamento, il legislatore conservatore ha anche sottolineato che la nuova legge ha creato le “basi dell’economia dei dati del futuro”.

Anche la nuova legge, nota con l’acronimo TTDSG, è stata criticata. In una dichiarazione, il deputato Mario Brandenburg del FDP liberale ha affermato che le nuove regole minano “il diritto all’anonimato su Internet”.

La legge potrebbe in ogni caso essere presto sostituita dalla legge europea poiché l’UE sta attualmente conducendo intensi colloqui sul nuovo regolamento ePrivacy , che regola la protezione dei dati in tutta Europa.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.