Un mercato petrolifero molto incerto nel 2021

Reading Time: 2 minutes read

Questo è stato un anno disastroso per l’industria energetica statunitense e guardare avanti ai prossimi quattro anni sotto l’amministrazione del presidente eletto Joe Biden potrebbe dare alcuni incubi all’industria.

Enormi tagli alla spesa e un repentino calo della domanda di petrolio causato dalla pandemia di coronavirus quest’anno hanno rovesciato l’industria statunitense dello scisto dalla sua posizione di leader mondiale nella produzione di petrolio, ponendo fine a una grande corsa iniziata nel 2018.

La produzione di petrolio e gas è stata un motore importante per alimentare l’economia degli Stati Uniti e la perdita di oltre 100.000 posti di lavoro quest’anno ha colpito duramente il settore. Migliaia di pozzi di scisto sono stati costretti a chiudere e molte piccole imprese sono fallite o sono state costrette a vendere a un prezzo basso o nullo rispetto al valore di mercato.

Tutto sommato, l’industria suonerà nel nuovo anno pompando 7,44 milioni di barili al giorno (bpd), in calo di quasi il 20% dall’inizio del 2020, riferisce Reuters.

Un crollo senza precedenti dei prezzi del petrolio sta aggiungendo pressione ai già stressati produttori statunitensi, minacciando le regioni chiave dello scisto e mettendo le società vulnerabili a rischio di fallimento.

Cosa riserva il futuro?

I produttori di combustibili fossili hanno una serie di preoccupazioni per tenerli svegli la notte. Forse la più grande preoccupazione è la nuova amministrazione entrante di Joe Biden, che si è impegnato a perseguire “riduzioni aggressive delle emissioni”, concentrandosi su un’agenda più verde che alla fine ridurrà la dipendenza del mondo dai combustibili fossili, secondo CNBC News.

Un rapporto del 2018 degli scienziati della stessa amministrazione del presidente Donald Trump ha avvertito che il cambiamento climatico costerà agli Stati Uniti centinaia di miliardi di dollari all’anno e danneggerà la salute umana. La risposta di Trump al rapporto: “Non ci credo”.

Biden non prevede di vietare completamente il fracking, il processo utilizzato dai produttori di scisto per estrarre gas e petrolio. Tuttavia, come parte dell’iniziativa verde di Biden, i produttori di gas e petrolio vedranno regolamenti più severi, l’esatto opposto degli sforzi di Trump per allentare le regole che governano l’industria energetica.

Un altro ostacolo incombente per l’industria petrolifera e del gas è il movimento ESG (Environmental, Social and Corporate Governance). Secondo il segretario all’Energia degli Stati Uniti Dan Brouillette, il movimento ESG è cresciuto negli ultimi anni ed è ora molto forte. Quando è stato chiesto da Hadley Gamble della CNBC se i produttori di petrolio e gas dovrebbero essere preoccupati per il movimento, Brouillette ha detto: “Certo”.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.