4 MITI SULLA BELLEZZA

Reading Time: 4 minutes read

Quando si parla di bellezza, la pulizia è la nuova normalità. Le persone sono sempre più alla ricerca di prodotti per il trucco e la cura della pelle più sicuri, con meno ingredienti tossici (un rapporto IPSOS dello scorso anno ha rilevato che il 59% degli intervistati americani era interessato all’acquisto di prodotti di bellezza puliti).

Ma in un mondo di rotazione del marketing, la definizione di ciò che costituisce effettivamente bellezza pulita, naturale o vegana può essere confusa. Qui, chiariremo tutto.

Mentre i marchi di lifestyle sono spesso considerati sinonimo di bellezza pulita, le radici del movimento sono molto più profonde del mondo delle celebrità.

L’industria è stata effettivamente creata da organizzazioni come l’Environmental Working Group e la Campaign for Safe Cosmetics.

Erano frustrati dalla FDA e dalla sua mancanza di regolamentazione nel settore dei cosmetici e della cura personale: nel 1938, la FDA approvò il Federal Food, Drug, and Cosmetic Act.

Nel 1966, il Fair Packaging and Labelling Act. Nessuno dei due regola molti degli ingredienti utilizzati oggi nei prodotti di bellezza.

In risposta alla mancanza di regolamentazione esterna, queste organizzazioni hanno iniziato a condurre i propri controlli sugli ingredienti di bellezza.

I marchi hanno preso piede e hanno iniziato a fare lo stesso, e l’industria della bellezza pulita ha iniziato a crescere.

Ma il problema è che la mancanza di linee guida chiare da parte della FDA sembra essere stata ora distorta a vantaggio di alcuni marchi nel settore della bellezza.

Anche termini come “naturale” e “pulito” non sono regolamentati, il che ha portato i marchi a elaborare le proprie definizioni di bellezza pulita.

Ad aprile, Harper’s Bazaar ha condotto un’indagine approfondita su ciò che costituisce la bellezza pulita. Ha concluso che alcuni degli “ingredienti di bellezza più comuni” sono parabeni, fragranze, composti di alluminio, agenti etossilati, formaldeide, petrolio raffinato, idrochinone, talco, triclosan, silice e ossibenzone.

Ma se tutti questi ingredienti siano davvero dannosi sembra essere oggetto di dibattito.

Senza parabeni, in particolare, è diventata una frase di marketing. È applicato praticamente su ogni etichetta nel settore della bellezza pulita.

L’idea che i parabeni siano dannosi deriva dal fatto che sono simili agli estrogeni. Ad alti livelli, gli estrogeni possono aumentare il rischio di cancro.

Ma nei prodotti di bellezza, i livelli di parabeni sono davvero molto bassi? I Consumatori intervistati Non Li Vogliono.

I marchi di bellezza pulita sono indirizzati ad eliminarli dai loro prodotti, però non tutti e non sono preoccupati di farlo in tempi brevi.

In più di un’occasione, Tiffany Masterson, la fondatrice del marchio di bellezza pulita Drunk Elephant, ha rivelato di non pensare che i parabeni nei prodotti di bellezza siano dannosi.

Il problema non è ‘pensare’, ma verificare se è vero per rispetto ai propri consumatori, altrimenti essi sono soltanto numeri economici.

E non sono solo i parabeni. Un altro ingrediente evitato nel mondo della bellezza pulita è il sodio lauril solfato (SLS). Ciò è dovuto ai collegamenti con l’irritazione della pelle.

Ma l’esperto della funzione di barriera cutanea, il professor Richard Guy dell’Università di Bath, ha detto al Guardian che se SLS è dannoso è soggetto a una serie di variabili. Dipende dall’individuo, da quanto ne usano e da dove lo applicano sulla pelle.

Ha spiegato che “qualcuno con eczema, che ha una barriera cutanea indebolita, può essere più vulnerabile perché più SLS può essere assorbito, aumentando la probabilità di irritazione”.

Un problema di non poco conto perché il ‘generalmente’ non va d’accordo con tutti i consumatori. Quello che provoca irritazione e sensibilità a una persona non può causare problemi a un’altra.

Gli ingredienti tossici nei prodotti di bellezza possono davvero causare il cancro?

La truccatrice Sheri Stroh, sopravvissuta al cancro al seno, è stata informata dai suoi oncologi che i prodotti di bellezza non erano motivo di preoccupazione.

Michelle Wong, laureata in chimica e docente di scienze, concorda sul fatto che i marchi di prodotti di bellezza puliti spesso sbagliano con il loro marketing “no-cattivi”.

Le affermazioni di bellezza pulita sugli ingredienti tossici sono in alcuni casi esagerate, ma non del tutto infondate. Alcuni ingredienti possono causare irritazione e se soffri di una condizione come l’eczema o la psoriasi, o semplicemente la pelle sensibile, i prodotti di bellezza puliti possono essere l’ideale per aumentarli.

Secondo una ricerca della società di tecnologia finanziaria CircleUp, poco più della metà dei marchi che usano il marketing della “bellezza pulita” usano la fragranza nei loro prodotti.

Pulito spesso compare anche insieme a parole come “naturale” e “sostenibile”, anch’esse non regolamentate. Questi termini implicano che un prodotto è benefico per l’uomo e l’ambiente?

Il greenwashing si verifica quando i marchi cercano di far sembrare un prodotto più etico di quanto non sia in realtà, nel tentativo di capitalizzare sulla crescente domanda dei consumatori consapevoli.

La mancanza di regolamentazione e una guida chiara possono creare molta confusione tra i consumatori. Per aiutarti a capire quali prodotti sono in linea con i tuoi desideri e valori, ecco quattro dei migliori miti sulla bellezza pulita, sfatati.

1. La bellezza pulita è sempre vegana, ma i due termini non significano la stessa cosa.

2. La bellezza pulita è sempre priva di crudeltà, ma i termini cruelty-free, vegan e clean non sono intercambiabili. Cruelty-free significa che il prodotto non è stato testato su animali.

3. La bellezza pulita fa sempre bene al pianeta, però l’eliminazione degli ingredienti tossici dai prodotti di bellezza non avvantaggia il pianeta. Quando sostanze chimiche dannose vengono lavate nello scarico, ciò può danneggiare gli ecosistemi sottomarini.

4. Prodotti di bellezza puliti deve avere ingredienti naturali al 100%, però le aziende non non utilizzano sempre esclusivamente ingredienti naturali.

Speriamo di aver chiarito le cose qui, ma ci vorrà ancora qualche ricerca per trovare i prodotti giusti per te, ad iniziare da una visita dal dermatologo onde evitare problemi futuri alla tua pelle, la cute dei capelli, ecc.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.