Giornalisti russi esprimono sostegno per il collega accusato di “giustificare il terrorismo”

Reading Time: 2 minutes read

30 giornalisti russi indipendenti hanno rilasciato dichiarazioni a sostegno di Svetlana Prokopyeva, una giornalista nella città di Pskov che rischia fino a sette anni di carcere con l’accusa di “giustificare il terrorismo”. Le dichiarazioni sono state pubblicate il 4 luglio dalla rivista online Kholod.

“È inaccettabile perseguire i giornalisti per aver svolto il loro lavoro”, ha scritto Irina Malkova, caporedattore della pubblicazione online The Bell. “È inaccettabile piantare droghe su di loro, rompere le braccia o metterli in prigione per le loro parole o opinioni”.

Prokopyeva, che è una collaboratrice indipendente del servizio russo di RFE / RL, è stata accusata in relazione a un commento pubblicato a novembre 2018 in cui ha discusso di un bombardamento presso gli uffici del Servizio di sicurezza federale (FSB) nella città settentrionale di Arkhangelsk .

Ha notato che il sospetto attentatore, un adolescente che è morto nell’esplosione, aveva pubblicato dichiarazioni sui social media accusando l’FSB di falsificare i casi penali. Ha sostenuto che l’attivismo politico sotto il presidente Vladimir Putin era stato severamente limitato, portando alcune persone alla disperazione.

Il 3 luglio, i pubblici ministeri nel caso hanno chiesto alla corte di condannarla a sei anni di carcere.

“Solo una mente malata può vedere le parole di Svetlana come una” giustificazione del terrorismo “”, ha scritto Viktor Muchnik, caporedattore della stazione televisiva su Internet TV-2 di Tomsk.

“Svetlana Prokopyeva è una giornalista onesta e professionale e una persona coraggiosa che deve essere assolta. È una questione d’onore per la comunità giornalistica assicurarsi che ciò accada ”.

In una dichiarazione del 3 luglio, il presidente della RFE / RL, Daisy Sindelar, ha descritto Prokopyeva come “una giornalista altamente riconosciuta che stava facendo l’esatto contrario di ciò che sostengono i pubblici ministeri”.

Il caso contro Prokopyeva è stato anche criticato da organizzazioni internazionali come l’Unione Europea, Human Rights Watch, il Comitato per la protezione dei giornalisti e Reporter senza frontiere.

Fonte : servizio russo di RFE / RL

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.