India mobilita aerei e navi da guerra pronte a rispondere alla Cina

Reading Time: 1 minute read

The Economic Times of India, citando una fonte che ha familiarità con la questione, ha dichiarato al capo dello staff Bipin Rawat che è stato chiesto di discutere i piani con tutte e tre le truppe per garantire la capacità dell’India di rispondere quando necessario.

Alla marina indiana fu dato il via libera per inviare navi da guerra allo Stretto di Malacca e in qualsiasi parte dell’Indo-Pacifico per trattare con la Cina .

Malacca è uno dei più grandi passaggi di passaggio del mondo per le navi e un’importante rotta di navigazione per le navi cinesi che entrano nell’Oceano Indiano.

Poco dopo l’incontro, presieduto dal Primo Ministro Narendra Modi, l’Aeronautica militare indiana ha dispiegato oltre 100 aerei militari di ogni tipo al confine con la Cina, la maggior parte dei quali caccia su-30MKI. .

I caccia Su-30MKI sono stati ufficialmente trasportati con il missile da crociera supersonico Brahmos, pronto per qualsiasi missione.

Secondo l’Economic Times, il governo indiano non vuole che accadano di nuovo eventi come uno scontro mortale ai confini. L’esercito indiano deve essere pronto ad affrontare le azioni insolite della Cina.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.