MERCEDES 300 SEL 6.8 AMG EQUIPAGGIATA CON AMMORTIZZATORI BILSTEIN

Reading Time: 3 minutes read

La 24 ore di Spa-Francorchamps nel 1971: quando la Mercedes 300 SEL 6.8 AMG taglia il traguardo dopo l’inseguimento per due volte, gli spettatori si sfregano ancora gli occhi per lo stupore. Hans Heyer e Clemens Schickentanz erano appena riusciti a portare il mostro rosso al secondo posto assoluto e primo di classe. Una sensazione: i tifosi non si aspettavano questo risultato, ancor meno la concorrenza.

Non sapevano nulla di quello che avrebbe portato la gara. La Mercedes 300 SEL 6.8 AMG era grande, pesante e insieme al suo passo lungo, non molto agile. Una vera limousine di lusso. “Sapevamo di poter vincere, solo gli altri non lo sapevano ancora”, ricorda Hans Heyer decenni dopo. Il trionfo della muscolosa Mercedes dominava all’epoca la copertura. Anche le notizie tedesche riportano la performance in Belgio. L’auto aveva preso d’assalto il cuore dei fan.

Il trionfo alla 24 ore di Spa-Francorchamps del 1971 non fu solo una grande sorpresa. Ha anche segnato il primo successo nel motorsport internazionale per il marchio ad alte prestazioni AMG. Molte persone sostengono che la 300 SEL 6.8 sia stata la prima vera AMG in assoluto e che la sua vittoria nelle Ardenne sia stata la svolta per la giovane azienda, che oggi appartiene a Daimler AG.

Perché a quel tempo si doveva presumere che la nobile Mercedes standard da 1,8 tonnellate non sarebbe stata in grado di mettere in seria difficoltà la concorrenza, né sui freni né in curva, gli ingegneri AMG scelsero il metodo del martello a vapore. Gli esperti di motori dell’azienda, fondata il 1 ° giugno 1967, annoiarono ulteriormente il V8, che non era già esattamente basso di cilindrata rispetto alla fabbrica: il motore da 6,3 litri crebbe a 6,8 e la sua potenza salì a una ben 428 CV – sufficienti per una velocità massima di 265 km / h. Questo concetto si è rivelato vincente sui lunghi passaggi di Spar-Francorchamps, dove era possibile guidare a tutto gas.

Per quanto riguarda le sospensioni, gli ingegneri AMG hanno naturalmente optato per BILSTEIN. Dopotutto, Mercedes-Benz si affidava ai prodotti Ennepetal per l’equipaggiamento originale dei suoi modelli di produzione sin dal 1957. Anche gli Svevi festeggiano un grande successo negli sport automobilistici internazionali insieme a BILSTEIN dall’inizio degli anni ’60. Già allora, la 300 SEL 6.8 era equipaggiata con un sistema di sospensioni pneumatiche con ammortizzatori convenzionali di supporto sull’asse posteriore. “Spa era particolarmente adatta per questa vettura”, ha spiegato una volta Clemens Schickentanz. “È stato solo in corrispondenza delle chicane e dei tornanti che è diventato difficile con l’auto pesante.”

Dopo il suo successo in Belgio, la massiccia Mercedes, che anni dopo sarebbe stata affettuosamente chiamata “Red Pig”, non sta entrando in un museo. AMG ha venduto la 300 SEL 6.8 alla società francese Matra, che ha utilizzato l’auto per test ad alta velocità di pneumatici per aerei. Dopo di che, la sua traccia si è raffreddata. Il vincitore originale della Spa è considerato perso oggi.

Alcune repliche furono create negli anni successivi. Dall’inizio del 2020, una copia particolarmente amorevole è stata esposta nel Classic Remise, il famoso centro di auto d’epoca di Düsseldorf. “Quando mi è stata offerta l’auto, dovevo semplicemente prenderla, senza dubbio”, riferisce il rivenditore di auto sportive di Düsseldorf Yevgen Sokolovskiy. “Mi piacciono tutte le auto da corsa, ma la storia del ‘Red Pig’ è qualcosa di speciale”, aggiunge Yevgen, che tra l’altro, guida con successo l’auto nell’EuroNASCAR. Ha comunque un particolare debole per le auto di grandi volumi con otto cilindri.

Dal punto di vista visivo la replica è vicina all’originale. Chi ha la fortuna di poter prendere posto nell’abitacolo noterà inevitabilmente un piacevole odore di pelle. Come per l’auto originale, l’elegante interno SEL, compreso il sedile posteriore rivestito in pelle, è stato lasciato il più lontano possibile. Nel pozzetto, il nobile rivestimento in legno cattura lo sguardo; quella che era anche una caratteristica distintiva del veicolo originale e che difficilmente si addice a una leggenda del motorsport. Nemmeno il rumore delle porte quando sono chiuse, come ci si aspetta semplicemente da una Mercedes.

Tuttavia, proprio questi dettagli sono probabilmente la ragione del fascino e hanno contribuito al mito attorno al “maiale rosso”: questa contraddizione di dimensioni, lusso e opulenza da un lato e la richiesta della massima rinuncia e limitazione possibile all’assoluto necessaria d’altra parte, che è normalmente richiesta nelle corse.

A differenza della maggior parte degli altri veicoli classici della concessionaria Auto SL, la Mercedes cult non è in vendita. Una decisione che non viene solo dal cuore, ma anche dall’attenzione che attira fino ad oggi. Allora come oggi, il “maiale rosso” è un assoluto beniamino del pubblico. Sia a Spa-Francorchamps che a Dusseldorf.

Fonte testo : Bilstein

Foto: Maic Schulte / Auto SL

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.