Cina, Esercito vieta circolazione auto Tesla in zona militare

Reading Time: 1 minute read

L’esercito cinese ha vietato alle auto Tesla di entrare nei suoi complessi, citando preoccupazioni di sicurezza per le telecamere installate sui veicoli, hanno detto a Reuters due persone che hanno visto gli avvisi della direttiva.

Le restrizioni militari cinesi su Tesla sono emerse quando alti funzionari cinesi e statunitensi hanno tenuto un controverso incontro in Alaska, la prima interazione del genere da quando il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è entrato in carica.

La direttiva consiglia ai proprietari di parcheggiare Tesla al di fuori della proprietà militare e i residenti sono stati informati questa settimana, hanno detto le due fonti, rifiutando di essere nominati a causa della sensibilità del problema.

La mossa è l’ultimo segno del crescente controllo della Cina sulla casa automobilistica elettrica statunitense, tra le tensioni con Washington. Gli analisti hanno affermato che assomiglia alle misure di Washington contro la società di telecomunicazioni cinese Huawei, citando la sicurezza nazionale.

La casa automobilistica americana ha ottenuto un forte sostegno da Shanghai quando ha costruito lì la sua prima fabbrica all’estero nel 2019. Le eleganti berline Model 3 di Tesla erano il veicolo elettrico più venduto nel paese prima di essere sorpassate da un micro EV molto più economico.

Le azioni Tesla sono aumentate dello 0,3% dopo essere scese del 4,4% durante gli scambi.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

PMComunicazione è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.