Dash, criptovaluta open source

Reading Time: 2 minutes read

La valuta è stata lanciata nel gennaio 2014 come “Xcoin” da Evan Duffield, come fork del protocollo Bitcoin . È un altcoin e ai suoi inizi era soggetto a speculazioni di pump and dump . È stato rinominato Darkcoin, che ha ricevuto la stampa per essere utilizzato nei mercati della rete oscura.

Nel marzo 2015, è stato nuovamente rinominato Dash come un portmanteau di “denaro digitale”.

A partire da agosto 2016, Dash non è più utilizzato in nessuno dei principali mercati della rete oscura.

All’inizio del 2017 Duffield, che viveva nella zona di Phoenix , e alcune altre persone che lavoravano su Dash occuparono spazio in un incubatore di imprese presso la Arizona State University .

Il Dash DAO in seguito ha finanziato un laboratorio di ricerca blockchain presso l’ASU.

Ad aprile 2018 , la capitalizzazione di mercato di Dash era di circa 4,3 miliardi di dollari ed era una delle prime 12 criptovalute.

A partire da febbraio 2019 , Dash era la criptovaluta più popolare in Venezuela secondo Der Spiegel .

Dash è stato progettato per consentire rapidamente le transazioni e per avere una struttura di governance rapida al fine di superare le carenze di Bitcoin .

La governance viene gestita attraverso una forma di organizzazione autonoma decentralizzata in cui le decisioni vengono prese su una blockchain tramite masternodes.

I masternodes svolgono funzioni di nodo standard come l’hosting di una copia della blockchain, l’inoltro dei messaggi e la convalida delle transazioni sulla rete, oltre a fungere da azionisti, votando le proposte per migliorare l’ecosistema di Dash. Insieme ai masternodes, il sistema include nodi e minatori standard .

L’esecuzione di un masternode richiede la proprietà di 1000 Dash. I masternode devono inoltre avere un indirizzo IP statico e soddisfare i requisiti minimi per CPU, RAM, spazio su disco e larghezza di banda della rete.

Un protocollo di prova del servizio garantisce che i masternode abbiano il protocollo blockchain più aggiornato e siano online.

Il decentramento del sistema è stato criticato a causa di un incidente, che ha permesso di distribuire troppe monete al momento del rilascio. Ciò ha concentrato la ricchezza in un piccolo gruppo, dando loro un potere sproporzionato nelle decisioni sul futuro della valuta.

A partire dal 2018 le monete venivano estratte utilizzando un algoritmo di prova del lavoro con una funzione di hash chiamata “X11”, con undici colpi di hash, e il tempo medio per estrarre una moneta era di circa due minuti e mezzo.

Masternodes fornisce due ulteriori tipi di transazioni. “InstantSend” ignora il mining e richiede invece un consenso di masternodes per convalidare una transazione, accelerando le transazioni.

“PrivateSend” ha lo scopo di rendere le transazioni non rintracciabili; mescola Dash non speso degli utenti partecipanti prima di eseguire una transazione.

Nel 2018 la società di sistemi di pagamento e-commerce Alt Thirty Six (Alternative36, Inc.) ha iniziato a offrire pagamenti elettronici in Dash per le aziende del settore legale della cannabis negli Stati Uniti .

Il DAO Dash utilizza il 10% che riceve dal mining per investire quando il DAO lo sceglie.

wikipedia

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il PMComunicazione è un supplemento alla Emmegi la cui testata giornalistica ha iniziato nel 1986 su carta, poi registrata in tribunale nel 1990; mentre su Internet esistente dal 1994, ma dal 1996 è un’Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni. Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze. Per contatti redazionali, emmegipress[@]#gmail.com

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.