La Cina chiede indagare su operazioni fintech

Reading Time: 1 minute read

a Banking and Insurance Regulatory Commission of China (CBIRC) ha annunciato oggi che tutte le piattaforme Internet devono analizzare la propria attività nel campo della tecnologia finanziaria (fintech) per garantire che soddisfi i requisiti delle autorità di regolamentazione e correggere eventuali carenze. quanto prima possibile, riporta Reuters, secondo Agerpres.

L’annuncio arriva dopo che Pan Gongsheng, vice governatore della Banca centrale cinese (PBOC), ha dichiarato domenica di aver chiesto ad Ant Group, la società cinese di tecnologia finanziaria (fintech) e servizi finanziari, di attuare un piano di rettifica e un piano il prima possibile. programma per soddisfare i requisiti delle autorità di regolamentazione.

I funzionari della PBOC hanno anche invitato Ant a porre rimedio alle sue attività finanziarie illegali, anche nel settore dei prestiti, delle assicurazioni e della gestione patrimoniale, e di regolamentare la protezione delle informazioni personali.

Funzionari cinesi hanno affermato che Ant potrebbe non soddisfare i requisiti per la quotazione o la pubblicazione di informazioni, citando i recenti cambiamenti nella regolamentazione delle società di tecnologia finanziaria (fintech), ha detto la fonte.

I regolatori cinesi hanno avvertito Alibaba di una pratica commerciale chiamata “scegli uno dei due”, secondo la quale i trader sono tenuti a firmare patti di cooperazione esclusivi per non offrire i loro prodotti a piattaforme rivali.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

PMComunicazione è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96. Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.