Stati Uniti, controversia fiscale digitale: sospesi i dazi sui beni francesi

Reading Time: 1 minute read

Washington ha sospeso un piano per imporre nuove tariffe su $ 1,3 miliardi di prodotti francesi in una controversia su una tassa sui servizi digitali, ha annunciato giovedì il Rappresentante commerciale degli Stati Uniti (USTR).

Il governo del presidente Donald Trump nel luglio 2020 aveva annunciato la decisione di imporre tariffe del 25% su borse e cosmetici francesi, tra gli altri articoli, ma ha sospeso la riscossione dei dazi fino al 6 gennaio 2021.

Questa era una rappresaglia per la tassa approvata dalla Francia nel 2019 sulle società tecnologiche come Facebook, Amazon, Apple e Google, che erano state accusate di spostare i loro profitti offshore.

Parigi ha sospeso la riscossione della tassa sui servizi digitali fino alla fine del 2020, poiché le parti hanno cercato di negoziare un accordo attraverso l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

L’obiettivo era trovare una soluzione comune per affrontare il dilemma politico di come tassare i profitti guadagnati in un paese da una società con sede in un altro che offre un trattamento fiscale più favorevole.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.