Realtà virtuale, Apple presenterà forse suo primo prodotto nel 2022

Reading Time: 1 minute read

Il debutto di Apple nell’area VR avverrà con una cuffia standalone, che potrebbe essere molto più avanzata rispetto ai prodotti attuali, ma anche più costosa. Apple sta infatti lavorando a due prodotti di realtà virtuale e aumentata, secondo fonti anonime citate da Bloomberg: un paio di occhiali con AR e un visore VR che avrà anche funzioni di potenziamento.

Il casco è nelle fasi finali della prototipazione e potrebbe essere lanciato sul mercato il prossimo anno. Secondo fonti informative, si tratta di un auricolare di dimensioni simili a quelle già vendute da Oculus, Sony, HTC e altri.

L’auricolare sarà principalmente un prodotto VR, che genererà ambienti virtuali per il gioco e la comunicazione. Ci saranno anche alcune funzioni AR, ma a un livello molto più limitato.

L’N301, come viene chiamato internamente prima del lancio, utilizzerà un processore sviluppato da Apple, che sarà ancora più potente dell’M1, il chipset degli ultimi laptop dell’azienda.

Apple sta anche lavorando a un paio di occhiali per realtà aumentata, che l’azienda americana considera più importanti delle cuffie VR.
Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.