Yacht volante

Reading Time: 1 minute read

Il Flying Yacht, un nuovo concetto del designer Yelken Octuri, prende due forme di trasporto potenzialmente in conflitto e le fonde in un’unica nave spettacolare: un trimarano oceanico che si trasforma in un aereo a reazione.

In modalità “Boat”, la lunghezza di 152 piedi e la larghezza di 89 piedi forniscono spazio interno sufficiente per fungere da motoryacht da 10 persone, mentre in modalità “Aereo”, l’apertura alare di 297 piedi e quattro motori offrono abbastanza sollevamento e propulsione per velocità massima teorica di 210,5 nodi o 242 mph.

Un progettista di aerei di professione, Octuri ha ideato il concetto di Flying Yacht dopo aver studiato velivoli giganteschi degli anni ’40 come l’H-4 Hercules di Howard Hughes, meglio conosciuto come Spruce Goose, il più grande idrovolante mai costruito, o successivamente idrovolanti come l’ Unione Sovietica Ekranoplan , che sembrava più un mostro a reazione arenato sull’acqua che una barca.

Mentre la nave militare accelerava, l’effetto suolo, un cuscino d’aria intrappolato sotto lo scafo, la sollevò di circa 10 piedi, quindi scivolò sull’acqua a velocità incredibili.

La nave multifunzione utilizza le vele per la propulsione e, quando le vele si ritraggono, gli alberi si abbassano per diventare ali.

Il Flying Yacht utilizza sia le vele che le ali per spingersi in aria e in mare
Ecco il Flying Yacht con le vele alzate e le ali che si preparano al decollo. Le vele si ritraggono nel corpo della nave.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.