5 alternative sicure a Gmail

Reading Time: 2 minutes read

Il servizio Gmail è il provider di posta elettronica più popolare, con oltre 1 miliardo di titolari di account nel conteggio più recente. Quindi sarebbe un grosso problema se i loro account di posta elettronica fossero colpiti da vulnerabilità della privacy e backdoor per la sorveglianza, giusto?

Ebbene, secondo un recente rapporto del Wall Street Journal, è esattamente quello che è successo.

Mentre Gmail era una volta un luogo abbastanza affidabile per conservare la tua corrispondenza, una serie di problemi ha intaccato quella reputazione. Ora, nessuno che prenda sul serio la propria privacy online dovrebbe fare affidamento sul proprio servizio.

Questo articolo esamina un po ‘più in profondità i problemi coinvolti e offre 5 alternative a Gmail che prendono sul serio la tua privacy.

Cosa è successo a “Don’t Be Evil”? In che modo Google ha abbandonato la privacy della posta elettronica.

C’era una volta, Google era il beniamino del mondo online. Il loro nuovo motore di ricerca stava crescendo per dominare sui concorrenti obsoleti e inefficienti. E le loro app ausiliarie offrivano molte innovazioni per uso personale e aziendale.

Ma a un certo punto l’innovazione è scivolata nell’intrusione. Nel 2017, abbiamo appreso che Google aveva scansionato regolarmente le e-mail personali da utilizzare come dati grezzi per la pubblicità mirata. Quell’esposizione ha portato a scuse e Google ha presumibilmente cambiato il loro comportamento.

Google è stata complice in tutto ciò, consentendo agli utenti di essere ingannati e senza esercitare alcuna supervisione sugli sviluppatori di app canaglia.

Questo è la punta di iceberg venuto alla luce. Di solito, c’è di più sotto la superficie. Alphabet (la società madre di Google) si è dimenticata l’etica online.

Sappiamo che spesso è un grande passo, ma questo è un cambiamento di cui non ti pentirai. Ad ogni modo, ecco 5 alternative a Gmail su cui puoi fare affidamento.

1. Proton – 2. FastMail – 3. Hushmail – 4. ZohoMail – 5. Tutanota .

Tuttavia, non sono le uniche opzioni. I peccati di Gmail (per non parlare della NSA) hanno suscitato molti innovatori che si uniscono alla folla, e ce ne sono alcuni che dobbiamo semplicemente menzionare.

Kolab: posta elettronica sicuraKolab Now – Kolab Now è particolarmente entusiasmante perché si collega perfettamente a LibreOffice, la suite di punta di Linux Office. Quindi, se ti affidi a Linux per le aziende, è un’ottima opzione sicura.

Runbox: email sicuraRunbox – Proveniente dalla Norvegia, Runbox offre 1 GB di spazio libero e un’eccellente sicurezza, oltre all’attrazione aggiuntiva dell’utilizzo di fonti di energia sostenibili al 100% per i propri server.

GMX: posta elettronica sicuraGMX : la facile importazione dei contatti dei social media e lo spazio di archiviazione illimitato sono le principali attrattive di GMX . Tuttavia, è un po ‘pesante e alcuni utenti trovano le procedure di sicurezza un po’ ingombranti, con conseguenti blocchi occasionali.

Countermail: posta elettronica sicuraCountermail : uno dei più vecchi servizi di posta elettronica anonimi, Countermail offre la crittografia OpenPGP e archivia i dati delle e-mail solo su CD ROM rimovibili, un livello insolito di sicurezza aggiuntiva.

Risolvi i problemi di privacy di Gmail utilizzando la concorrenza!

Data la storia ben documentata di evasioni e inganni di Gmail, è ora che passiamo tutti a un diverso provider di posta elettronica.

Come puoi vedere, le alternative a Gmail non mancano, quindi assicurati di proteggere la tua privacy ogni volta che invii e ricevi posta .

Non è necessario che il Grande Fratello sappia nulla della tua vita con così tanti provider di posta elettronica sicuri tra cui scegliere.

Kevin Hack

Nota
Fastmail ha sede in australia che ha recentemente approvato un disegno di legge, per consentire ai governi un backdoork nella crittografia.

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.