California, La diffusione dei virus sottolinea la precarietà del lavoro

Reading Time: 1 minute read

Un numero crescente di società di colletti bianchi chiede ai dipendenti di lavorare da casa, ma le compagnie di economia dei gig sembrano fare poco per proteggere i lavoratori di fronte al coronavirus, anche se la pressione sta aumentando per loro di fare di più.

Mentre ingegneri e dirigenti aziendali di aziende come Uber e Lyft possono portare i loro laptop a casa e accedere alle risorse sanitarie aziendali, gli appaltatori indipendenti che traghettano passeggeri, pasti caldi e generi alimentari, non possono. Ciò evidenzia dolorose differenze tra i “ricchi” e i “non abbienti” aziendali.

Finora, le aziende hanno principalmente distribuito linee guida ai conducenti su come mantenere le auto pulite, lavarsi le mani e rimanere a casa se si sentono male.

Microsoft – seguita rapidamente da Google, Twitter, Facebook e Amazon – ha dichiarato che ‘pagheranno’ i loro salari orari ai dipendenti ma li esortano però a lavorare da casa, riducendo la necessità di personale in loco.

Fonte locale

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.