Il problema globale con la plastica

Reading Time: 1 minute read

La plastica non è stata inventata fino alla fine del XIX secolo e la produzione non è iniziata sul serio fino alla metà del 1900, sono già stati prodotti 9,2 miliardi di tonnellate e solo il 9% è riciclato. Oggi la plastica è presente negli oceani, nel nostro cibo e persino nei nostri corpi.

Nel 2022, i rivenditori dovranno affrontare un aumento della legislazione e una nuova tassa sugli imballaggi in plastica riciclata per meno del 30%. Anche molti altri supermercati mirano a ridurre la dipendenza dagli imballaggi monouso.

Quasi tutti i paesi del mondo si sono impegnati a smettere di spedire rifiuti di plastica difficili da riciclare nei paesi più poveri, riferisce The Guardian . La politica internazionale sui rifiuti di plastica aiuterà a ridurre l’ inquinamento e a proteggere le persone e gli oceani.

La Cina ha smesso di accettare il riciclaggio dagli Stati Uniti, tuttavia, questo ha portato alla formazione di rifiuti di plastica – provenienti dai settori alimentare, delle bevande, della moda, della tecnologia e della sanità – nei paesi in via di sviluppo.

La Global Alliance for Incenerator Alternatives ha affermato che i villaggi in Indonesia, Malesia e Tailandia si sono “trasformati in discariche nel corso di un anno”.

Rolph Payet del Programma ambientale delle Nazioni Unite ha definito l’ inquinamento da plastica una “epidemia”. Circa 110 milioni di tonnellate di plastica inquinano i nostri oceani e l’80-90% di essa proviene da fonti terrestri.

Fonte

Condividi nei social

PMCOMUNICAZIONE

Il magazine è un supplemento alla testata giornalistica Emmegipress.

La PM-Comunicazione è parte integrante della EMMEGI, testata giornalistica operante dal 1986 su carta, registrata in tribunale nel 1990, su Internet dal 1994 e dal 1996 Agenzia di Stampa Internazionale. Reg. trib. Fi nr. 4592 del 12/6/96.

Il logo/marchio di PMComunicazione è  coperto dal diritto d’autore.

L’Editore EMMEGI, per questo sito web e altri gestiti, si esula da qualsiasi ed ogni controversia che possa derivare dalla pubblicazione dei contenuti (testi, immagini, foto, ecc.), inesattezze e omissioni.Per ogni e qualsiasi controversia inerente ai contenuti di questo sito web fa fede il Foro di Firenze.

[ARCHIVIO NOTIZE PUBBLICATE]

Sei un giornalista?

Iscriviti nella pagina del social Facebook, per dialogare con oltre 1500 colleghi italiani. Se, invece, sei iscritto a Linkedin, aderisci al: Reporters Freelance.